Punti di Vista

La ristorazione in guanti bianchi e come è girato il mondo

La Ristorazione è da sempre uno dei miei centri di interesse.

Non perché sia mia mania frequentare i locali mondani, ma perché il settore è stato tanto maltrattato, calpestato, umiliato da due anni e mezzo, e ancora lo è, a causa delle restrizioni nelle libertà, e direi nei “doveri”, del loro compito a servizio del pubblico.

La Ristorazione, con i ristoranti, i bar, i pub, le strutture di catering per i ricevimenti di ogni tipo, nonostante tutto, ha mantenuto i suoi criteri di stile.
Nonostante le spese sostenute per tutti i sistemi di igienizzazione e di sicurezza sanitaria, le paratie di plastica per i distanziamenti tra gli avventori, gli strumenti per il controllo del QR dei pass, la riduzione del personale, e nonostante i mancati “ristori” promessi.

I gestori ed il personale, quelli sopravvissuti alle imposizioni ed ai ricatti di una catastrofica regia della pseudo-pandemia, hanno sempre mantenuto i “guanti bianchi” ossia il rispetto per i principi di accoglienza e riguardo verso la clientela.
Sono dei professionisti, sono stati addestrati a questo.

Hanno subito, e ancora subiscono la pesantezza delle maschere sul viso, ma sotto quel pezzo di stoffa accolgono sempre il cliente con un sorriso, lo si vede dagli occhi.

E quegli occhi hanno visto, tuttavia, la trasformazione della clientela.

I più abbienti, i “vip”, quelli della classe sociale più elevata, e quelli che davvero hanno i soldi, non si mettono in fila davanti al ristorante per farsi scannarizzare la fronte o i documenti.

E non si assoggettano a subire interrogatori, quando quell’improvvisato comitato “scientifico” ha dato letteralmente i numeri sulla quantità di persone che potevano sedersi alla medesima tavolata in un locale pubblico se solo “congiunti”.

Rimbecillita dalle notizie che i mass media strombazzavano, la gente era sottomessa al terrore ed ha accolto come una liberazione sia la campagna di vaccinazioni sia l’introduzione del “green pass”, cosicché i temerari potevano affrontare la convivialità tra pari in locali pubblici.

Costoro, allineati ed ossequienti, si sono sottoposti a tutti i riti pur di uscire di casa e andare come sempre a divertirsi, spesso tralasciando tutto ciò che sta compreso nei canoni dell’etichetta.
Non parlo di maleducazione, ma di una certa rilassatezza dei costumi.

Lo stile della clientela è cambiato

Del resto, con la faccia coperta chi ti riconosce?
Non ci si veste più “da sera”, le signore hanno dovuto rinunciare a rossetto e fondotinta che sporcano la maschera, non si ingioiellano più come la Madonna di Pompei, gli uomini dimenticano la cravatta, e talvolta anche la cavalleria.

Anche l’età degli avventori è cambiata.
Le coppie in età non vanno più a festeggiare anniversari in ristorante, hanno ripreso l’abitudine della cenetta casalinga.

Lo spazio è stato preso da una clientela più giovane, più spericolata, meno formale, meno esigente, meno riguardosa.
Quella clientela che spesso non bada al personale del locale a cui affidano l’ordinazione, clientela che, assorta nel conversare, forse nemmeno si accorge se viene servita da un uomo o da una donna.
Tanto, sono vestiti uguali, e tutti con una museruola nera a coprire la faccia per intero.

È proprio girato il mondo

Per due anni e mezzo si sono persi i rapporti con i parenti e anche quelli più intimi con i famigliari.
Il terrore dei contagi hanno distanziato le persone, niente strette di mano, niente baci ed abbracci.
Ci si dava il gomito, addirittura nelle rarefatte cerimonie ufficiali, o il pugno chiuso.

Anzi, nemmeno ci si saluta più.

Ma loro sono sempre là, in guanti bianchi a servire tutti con lo stesso riguardo e a sorridere, sempre, anche se nessuno li saluta loro o gli dice un “grazie”.

 

Maura Sacher

 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button