La Grande Festa del Vino 2020 edizione N°13

La Grande Festa del Vino 2020 edizione N°13

Print Friendly, PDF & Email

Cala il sipario su questa edizione de La Grande Festa del Vino, creazione di Vanni ed Ezio Berna dell’Enoteca dei Dogi, che anche in quest’anno sofferto e particolare hanno saputo dar vita ad una grande manifestazione tra le sale della bellissima Villa Farzetti, in quel di Santa Maria di Sala nell’entroterra Veneziano.

Un ambiente suggestivo dotato di grandi spazi per consentire al pubblico di esplorare in tutta sicurezza la grande varietà dei vini in assaggio, attenendosi contemporaneamente a tutte le normative in essere in questo momento a dimostrazione che si può iniziare di nuovo a sorridere.

L’edizione appena conclusa passerà agli annali come quella dell’impegno e della volontà. In un anno difficile come questo sarebbe stato molto più facile dire a tutti “ci vediamo l’anno prossimo” invece, affrontando non poche difficoltà, gli organizzatori hanno mantenuto l’impegno con tutti i fans della manifestazione mettendo in atto l’edizione più grande di sempre.

Un centinaio gli espositori di vino, oltre ad almeno venti rappresentanze provenienti dal resto del mondo, presentate nella Sala Teatro insieme ad una selezione di eccellenze del food. Oltre 360 etichette molte delle quali premiate dalle maggiori guide italiane ed estere di settore come quelle dell’Espresso, i Tre Bicchieri del Gambero Rosso, Vitae, Guida ai Vini Buoni d’Italia, Bibenda, WinwSpectator, Il Vino Per Tutti, ma che hanno raccolto anche i consensi della stampa estera come  The Champagne & Sparkling Wine World Championships, il Concours Mondial di Bruxelles o le selezioni di Vinous e James Suckling.

La nutrita rappresentanza estera ha dato la possibilità di prendere contatto con la viticultura di 21 paesi differenti, alcuni dei quali iconici per diverse ragioni come la Georgia o la Francia, oppure particolarmente interessanti come Israele e Nuova Zelanda, ma anche emergenti come Messico e Brasile, eno contatti che non è facile stabilire tutti i giorni.

A corollario dei banchi d’assaggio in programma alcune Masterclass che hanno riscosso il gradimento dei partecipanti, da quelle a tema abbinamento con i sigari Toscani, alla verticale di Barbaresco fino alle degustazione di formaggi e Metodo Classico.

 A parte la grande presenza dei produttori in sala molto gradita è stata anche la formula grafica del catalogo, in cui hanno trovato posto tutti i vini presenti con accanto la possibilità di esprimere una propria valutazione attraverso una serie di icone e, con riportato accanto il prezzo della bottiglia. Un ottimo strumento di valutazione per testare anche il proprio gusto rispetto alla qualità del vino ed al suo valore commerciale, un’opportunità a cui dare seguito con l’acquisto diretto durante la manifestazione.

Festa del vino a 360 gradi quindi, a cui ha presenziato anche il Sindaco premiando le migliori aziende italiane selezionate dalla ottava edizione della guida online Il Vino per tutti. Una due giorni scivolata via tra gli entusiasmi e senza intoppi per la creazione dei fratelli Berna, che negli anni ha saputo costruirsi la sua affermata reputazione diventando un riferimento nel calendario delle manifestazioni della penisola area nord – est.

Bruno Fulco

About The Author

Related posts