La Grande Festa dei Cuochi Etnei

La Grande Festa dei Cuochi Etnei

Print Friendly, PDF & Email

Cooking show con firme nazionali, momenti conviviali e approfondimenti tematici: gli ingredienti di questa 1^ edizione dell’Associazione.

 

Una grande festa, anzi “La Grande Festa dell’Associazione Provinciale Cuochi Etnei”, con l’obiettivo di ricreare e rivivere le molteplici e appassionanti attività che normalmente le berrette bianche dell’Etna vivono durante tutto l’arco dell’anno. Cooking show, approfondimenti tematici, momenti conviviali e la consegna del grembiule da collezione del Cuoco Etneo.

 

Questo e tanto altro ancora, comprese degustazioni ed un pranzo a buffet per i soci, saranno gli ingredienti dell’appuntamento che l’Apce ha dato ad oltre trecento Chef di Catania e provincia per martedì prossimo, 21 marzo, dalle ore 9,00 alle ore 17,00 all’Esperia Palace Hotel di Zafferana Etnea, nel cuore stesso del vulcano, come vulcaniche sono le berrette bianche ed il loro presidente da sei anni, Seby Sorbello.

seby-940x360

Di assoluto rilievo gli ospiti, che sono innanzitutto amici ed estimatori dell’Associazione, che lo dimostrano in innumerevoli occasioni e che realizzeranno i cooking show: primo fra tutti, il presidente nazionale della Federazione Italiana Cuochi, Rocco Pozzulo, lucano di origine e dichiaratamente innamorato della Sicilia e della sua tradizione culinaria.

 

Con lui ci saranno altri nomi di prestigio: Giuseppe Raciti, vincitore nei mesi scorsi del titolo di migliore chef del Sud Italia e Chef di Zash Boutique Hotel a Riposto; Pietro D’Agostino, Chef Patron dei ristoranti “La Capinera” e “Kisté”, entrambi a Taormina; Fabio Potenzano, chef della Nazionale Italiana Cuochi; Massimo Mantarro, Executive Chef del San Domenico Palace di Taormina; Francesco Patti, del ristorante “Coria” di Caltagirone; Matteo Zanardi, Chef del Ristorante “Ai Beati”; Rosario Cantarella ed Emmi Moreno, dell’Istituto Alberghiero “Giovanni Falcone” di Giarre; Giovanni Santoro, Chef del Ristorante “Shalai” di Linguaglossa; Giuseppe Gemmellaro, dell’Istituto Alberghiero “Rocco Chinnici” di Nicolosi; Danilo De Feo, dell’Istituto Alberghiero “Karol Wojtyla” di Catania; Carmelo Trentacosti, Head Chef Grand Hotel “Villa Igiea” di Palermo.

 

Da sottolineare, poi, il grande valore aggiunto degli Istituti Alberghieri del territorio, con il “Karol Wojtyla” ed il “Fermi Eredia” di Catania”, il “Giovanni Falcone” di Giarre ed il “Rocco Chinnici” di Nicolosi, realtà didattiche e professionali della provincia catanese che quotidianamente sono in stretto contatto con Apce e Fic e che attraverso la preparazione e l’impegno dei propri docenti e dirigenti scolastici sono in grado di formare intere generazioni di professionisti nella cucina, nella sala e nell’accoglienza turistica. Anche a loro il presidente Seby Sorbello rivolge il plauso ed il ringraziamento di tutta l’Associazione.

 

“Chi conosce la nostra realtà associativa – a dichiara il presidente Apce e presidente Fic Promotion, Seby Sorbello – sa bene che siamo sempre riusciti ad unire alla formazione di alta qualità i momenti conviviali, all’impegno e alla fatica dei corsi di aggiornamento anche la gioia di stare insieme, alle tante ore trascorse in cucina quel gioco di squadra che ci fa essere oggi una grande famiglia, sia come Associazione Provinciale Cuochi Etnei che come Federazione Italiana Cuochi”.

 

Quella dei Cuochi Etnei si conferma anche per il 2017 come la terza Associazione d’Italia, per numero di adesioni, dopo Roma e Potenza, ed anche per le numerose e qualificate attività svolte in tutti questi anni: molto spesso, infatti, è stata presa come esempio e modello da seguire a livello nazionale dalle altre Associazioni. Numerosi già i giornalisti che si sono accreditati all’evento, provenienti da tutta la Sicilia, che vivranno assieme ai Cuochi questi momenti indimenticabili.

About The Author

Related posts