Vini e Ristorazione

La foodlosophy di Cataleya

Nome curioso per questo ristorante situato a pochi passi dal Po all’inizio della precollina di Torino, una delle zone più belle della città. Cataleya richiama il fascino romantico dell’orchidea Cattleya, originaria dell’America meridionale, ma per chi ha visto il film Colombiana (2011 in cui la protagonista è Zoë Saldaña, nel ruolo di Cataleya) anche la determinazione dell’eroina protagonista.

Un locale aperto dall’inizio dell’anno da una delle famiglie storiche della ristorazione torinese, grande cura del dettaglio nell’arredamento con tocchi di romanticismo, ottima accoglienza da personale attento, preparato nella descrizione puntuale dei piatti del menu.

Un progetto di cucina basato sulla foodlosophy, affidato ad un giovane chef, Stefano Ratti, che nel corso della sua carriera ha lavorato a fianco di chef professionisti in locali prestigiosi, ristorante Armani, Il Pellicano (due stelle Michelin a Grosseto), Vun di Milano (1 stella Michelin) per citarne solo alcuni. Nel menu si trovano verdure non facilmente reperibili nella carta di molti ristorante, complice l’Orto Paolo, una azienda che vende all’ingrosso frutta e verdura della migliore qualità. Intriganti gli estratti di frutta e verdura, veri concentrati di benessere e le insalate non solo colorate, ma con ingredienti accostati in modo piacevole. Il colore è il filo conduttore del pensiero dello chef, sostenitore convinto che i “cinque colori del benessere“, ognuno dei quali con qualità e proprietà specifiche aiutano il nostro organismo e la nostra salute. Pane e dolci sono tutti fatti in casa.

Materie prime di qualità indiscutibile, troviamo anche la carne de La Granda, presidio Slow Food che valorizza la razza bovina piemontese e dall’inizio di giugno il ristorante rimane aperto fino a tardi. Due sale con un dehors e servizi tecnologici come le prese USB per la ricarica di cellulari e tablet e la connessione Wi-Fi.

Piera Genta

 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button