Rubriche

La debacle dei vini australiani ha aperto grandi spazi in Cina per i nostri vini

I pesantissimi dazi imposti dalla Repubblica Popolare Cinese ai vini australiani hanno favorito l’export degli altri fornitori.

L’ Australia ha infatti subito la più grande flessione di sempre.

I dati forniti da CAWS  – China Association of Import and Export of Wine and Spirits mostrano un drastico calo dell’ 81 % in valore e dell’ 84 % in volume.

Prima della introduzione dei dazi la quota di mercato per i vini aussies era del 42 %, ora ammonta a un misero 7 %.

I tre paesi che si contendono il mercato cinese del vino adesso sono Italia, Cile e Francia.

Assieme rappresentano oltre il 70 % dei vini importati dai distributori con gli occhi a mandorla.

I nostri cugini d’Oltralpe hanno esportato in Cina da Gennaio a Giugno 46,45 milioni di litri del loro vino.

La crescita è stata del 61 % in valore e del 22 % in volume rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

La quota di mercato dei vini francesi ammonta al 40 %. Al secondo posto ci sono i vini cileni che nello stesso periodo hanno inviato 55,4 milioni di litri di vino in più.

La nazione sudamericana occupa ora il 20 % del mercato cinese.

Al terzo posto troviamo l’Italia con un valore di 67,5 milioni di dollari e un volume del 25 %.

La quota del mercato per i vini italiani si attesta al 10 %.

Al quarto posto c’è la Spagna seguita da Australia, Usa, Sudafrica, Germania e Nuova Zelanda.

Sono usciti dalla classifica dei primi dieci esportatori Portogallo e Georgia.

Nonostante la pandemia dopo la battuta d’arresto del 2020 le importazioni di vino nella Repubblica Popolare Cinese fanno registrare una buona crescita.

Ci sono ottime prospettive per i nostri prodotti.

In aumento considerevole il consumo medio di vino: adesso è molto basso, si deve catturare l’attenzione dei giovani consumatori che fanno tendenza.

I millennials e la Generazione Z sono wine lovers indipendenti che apprezzano vini particolari e di nicchia.

Le tipologie preferite da questi due gruppi di sono: vini biologici e naturali, spumanti e rosati che sono i preferiti dalle donne, vini con bassa gradazione alcolica o senza alcol, vini aromatici.

In queste tipologie siamo molto forti davvero. Ci sono molti cocktails bar nelle città e i nostri Brandy, Gin e le Grappe sono molto apprezzati per la miscelazione.

Si devono aprire uffici di rappresentanza, attualmente l’Italia ne ha uno solo mentre Cile e Francia complessivamente ne hanno dieci.

Il lifestyle italiano è molto apprezzato dai ragazzi e dalle ragazze e le donne fanno tendenza per l’acquisto di vini e bevande.

I consumatori cinesi adorano l’artigianalità’ e l’originalità dei vini e prestano davvero molta attenzione alla storia delle cantine, alla etichetta e al packaging della bottiglia.

Umberto Faedi 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Back to top button