Stile e Società

La crisi costringe la UE a sospendere la PAC

La crisi costringe la UE a sospendere la PAC

La crisi costringe la UE a sospendere la PAC

 I prezzi e i costi delle materie prime nonché le brutte previsioni della FAO in merito alla produzione agricola spingono la Commissione Europea a una soluzione di emergenza. 

Il piano della PAC – Politica Agricola Comunitaria viene sospeso per consentire lo svincolo di 200000 ettari di terreni adatti a produrre mais e semi oleosi. 

Le coltivazioni che troveranno spazio nei 200000 ettari svincolati dagli obblighi della PAC saranno al più presto adibite a produrre sia mais che semi oleosi. 

L’obiettivo è quello di ridurre la dipendenza degli stati UE da alcune nazioni per ottenere una buona autonomia alimentare. 

L’ olio di girasole che proviene per la maggior parte dalla Federazione Russa e dalla Ucraina ha visto raddoppiare il prezzo. 

Il mais è il principale mangime per gli animali degli allevamenti. 

Gli allevatori già soffrono per la grande carenza di foraggio causata dalla perdurante siccità. Le scorte sono purtroppo destinate ad esaurirsi in medio/breve tempo. 

I costi di tutti i prodotti zootecnici sono andati alle stelle e non si trovano come nel caso dei fertilizzanti, anche questi provenienti quasi interamente dalle nazioni coinvolte nel conflitto.

 La colza è indispensabile per ottenere olio di girasole e biodiesel. 

In Italia viene largamente impiegato per produrre biscotti, creme spalmabili, pasta ripiena, sughi e tonno. 

Una nota ministeriale diffusa dal MISE – Ministero per lo sviluppo economico ha autorizzato  temporaneamente i produttori a sostituire nella lavorazione l’olio di girasole. 

Gli oli e i grassi sostitutivi autorizzati dal MISE sono: olio di palma, palpito e colza arachide.

 L’urgenza della situazione ha consentito al MISE di emanare la direttiva senza un decreto legge. 

La direttiva del ministero è stata notificata a tutta la filiera, a tutte le associazioni di categoria agricole e alimentari e alle catene della GDO – Grande Distribuzione Organizzata.

Umberto Faedi 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 94E0301503200000006351299 intestato a Francesco Turri

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio