Info & Viaggi

La burocrazia non eroga i finanziamenti dovuti all’agricoltura

Per quanto riguarda il mondo del vino è urgente il ripristino del ministero competente che deve prendere misure adeguate non procrastinabili per aiutare le cantine a risollevarsi.

Per quanto riguarda il mondo del vino è urgente il ripristino del ministero competente che deve prendere misure adeguate non procrastinabili per aiutare le cantine a risollevarsi.

Meno burocrazie e insulsi provvedimenti come quello di far chiudere le enoteche alle ore 18.00.

Altre realtà che vendono vini come supermercati, autogrill e negozi di alimentari perché non hanno questa restrizione?

Devono essere subito corrisposti gli importi regionali per la distillazione e ci deve essere una riduzione ordinata delle rese e stoccaggio dei vini di qualità.

La Agea ovvero sia Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura, ente statale, non ha corrisposto 50 milioni di euro nonostante il termine sia scaduto il 31 Dicembre 2020.

Agea funge da organismo pagatore per conto della Unione Europea dei fondi destinati ai produttori agricoli.

E importanti novità vengono dal PAC – Piano Agricolo Comunitario 2021/2027 che non possono essere ignorate.

Vanno azzerati per almeno sei mesi i dazi doganali ritorsivi imposti dal collerico ex presidente Usa nei confronti dei prodotti europei destinati al mercato nordamericano.

Nel contempo deve essere avviata una trattativa destinata a superare questa odiosa e assurda guerra doganale.

La promozione degli ottimi vini italiani deve avere nuovo impulso.

Il taglio delle risorse destinate al Green Deal agricolo nell’ambito del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza non va nella giusta direzione.

E nemmeno la riduzione dei fondi destinati al PAC – Piano Agricolo Comunitario che comporterà un meno 10 % per gli interventi a favore delle imprese agricole italiane.

Ciò mette a serio rischio il raggiungimento degli obiettivi comunitari in materia di sostenibilità e aumento della produzione agricola interna.

È  necessario un ministero attivo, competente ed efficiente per affrontare tutte queste tematiche fondamentali per la nostra eccellente agricoltura che ha subito con il covid l’ennesimo danno.


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Back to top button