Info & Viaggi

Istruzioni per l’uso nella comunicazione dell’agroalimentare

A Verona, in una tavola rotonda promossa dall’Ufficio Stampa del Consorzio Prosecco Doc su «L’Agroalimentare patrimonio del made in Italy. Istruzioni per l’uso nella comunicazione ai giorni nostri», numerosi tecnici della materia hanno esposto il loro punto di vista sul senso e sul valore della comunicazione nel settore
dell’agroalimentare italiano.

Come fare una “buona” comunicazione e quali dovrebbero essere gli ingredienti necessari è la tematica discussa ieri, 11 aprile 2016, al Padiglione Prosecco Doc – Prosciutto San Daniele Dop del Salone Vinitaly, con moderatore Pier Battista Bergonzi, vice direttore de ‘La Gazzetta dello Sport’ e curatore della rubrica ‘GazzaGolosa’, oltre che scrittore e sommelier AIS.
Al dibattito hanno partecipato Stefano Zanette presidente del Consorzio Prosecco Doc, Mario Emilio Cichetti direttore del Consorzio Prosciutto San Daniele, Alessandro Regoli direttore di ‘WineNews’, Tiziano Marson capo redattore de ‘La Tribuna di Treviso’, Sissi Baratella del Blog ‘GardiniNotes’ e Luca Giavi direttore del Consorzio Prosecco Doc.

Attraverso richiami alle proprie esperienze personali e raffronti con la storia del giornalismo, i conferenzieri si sono confrontati sulla “idea” di un buon giornalismo, che abbia efficacia non solo in termini di “notizia” bensì di “presa” sul pubblico che si vuole raggiungere, giacché oggi, al tempo dei social, il mondo della comunicazione è completamente cambiato.

Pier Bergonzi, introducendo il tema, ha voluto specificare che alcune regole auree valgono sempre per una notizia, e sono essenzialmente tre: verifica, qualità, originalità, da insegnare bene nelle scuole di giornalismo.
Per Alessandro Regoli “servono responsabilità e buon senso”. Ha espresso l’impressione “di vivere una sorta di proibizionismo di ritorno”, perché gli sembra eccessiva la tendenza a “demonizzare” il consumo del vino, per tenere, ad esempio, i giovani lontani giovani i binge drinkingdall’alcol. “Serve un’informazione che induca comportamenti virtuosi, consumi moderati e consapevoli”, magari insegnando ad abbinare il vino alle pietanze, e dissuadendo dal bere a stomaco vuoto. “Anche associare il consumo di vino al divertimento e agli eventi culturali porta un messaggio più adeguato”.
Mario Emilio Cichetti, del Consorzio San Daniele,  ha confidato: “ci aspetteremmo dai media una maggior cura nel dare le notizie. Purtroppo il settore agroalimentare in Italia il più delle volte viene ripreso dai media solo in termini folkloristici o scandalistici”.
Tiziano Marson ha spiegato la sua posizione da giornalista: “Comunicazione e informazione sono due cose ben distinte. Noi facciamo informazione quindi  selezioniamo tra le tante notizie che ci arrivano in redazione quelle che reputiamo interessanti per i nostri lettori. E siamo consapevoli dell’impatto che una notizia non verificata potrebbe avere a livello internazionale oggi che le testate locali, tramite  il web, in poche ore possono rimbalzare a New York o a Hong Kong. Ma questo non ci deve dissuadere dal pubblicare notizie che noi riteniamo di pubblico interesse”.

A conclusione del confronto di opinioni, il presidente del Consorzio Prosecco Stefano Zanette, con allusione alle molteplici notizie che periodicamente sconvolgono il mondo enogastronomico Made in Italy, ha commentato: “a mio avviso, un ingrediente necessario per fare giornalismo è la curiosità. Smascherare vicende negative è una delle cose che ci si attende dal “buon giornalismo” e noi siamo favorevoli ad una corretta informazione e disposti a collaborare”.

Maura Sacher


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button