Agenda

In digitale anche Slow Fish di Genova

Slow Fish, la manifestazione biennale di Genova, dedicata al mare e alla pesca, è giunta alla decima edizione e quest’anno si svolge in appuntamenti digitali, ma non solo.

Slow Fish 2021 apre il 3 giugno prossimo con la conferenza inaugurale che verrà trasmessa in streaming su www.slowfish.it.

Dal 4 al 30 giugno, la manifestazione propone molti eventi digitali anche con collegamenti internazionali, che affronteranno grandi temi di attualità.
Sono, inoltre, organizzate iniziative diffuse su tutto il territorio ligure da Levante a Ponente, con eventi fisici, in collaborazione con la rete territoriale di Slow Food Liguria.

Il sistema turistico arricchisce il programma con tour guidati nei borghi e visite nelle città liguri.

Per altri quattro giorni, dall’1 al 4 luglio, le aree istituzionali regionali presenteranno le migliori esperienze del proprio territorio insieme a ristoratori e pescatori, e dei partner dell’evento, come Laboratori del Gusto ed Appuntamenti a Tavola.

Il 3 e 4 luglio si terrà il Congresso Nazionale di Slow Food Italia, con oltre 250 delegati in presenza mentre altri 500 delegati e tutti gli altri soci potranno seguire il Congresso collegandosi in diretta.

Per gli organizzatori, Slow Food e Regione Liguria, Slow Fish deve essere una vetrina nazionale e internazionale che porti un messaggio forte di sostenibilità, salvaguardia della biodiversità, e un messaggio di sostegno per tutta la filiera che ruota intorno all’economia del mare, colpita duramente dalla crisi generata dalla pandemia.

«Una delle lezioni che il Covid ci ha lasciato in eredità è che tutto il mondo è interconnesso: per ripartire serve anche e soprattutto tutelare la salute degli ecosistemi e produrre rispettando l’ambiente» dichiara Giovanni Toti, Presidente della Regione Liguria.

Per Carlo Petrini, presidente di Slow Food, «Il mondo della piccola pesca, che vive in un equilibrio già estremamente delicato per le problematiche di gestione in mare e per le storture del mercato, è tra i settori che hanno sofferto di più la crisi. Con la chiusura delle attività di ristorazione e le restrizioni imposte a mercati e fiere, molti hanno perso i principali sbocchi di mercato. Riaccendere i riflettori sulle comunità di pescatori e le risorse del mare assume oggi un significato ancora più forte per comprendere come possiamo provare a ripartire con il piede giusto dopo questa grave crisi pandemica, economica e sociale, guardando al bene comune più importante, l’acqua».

Maura Sacher


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button