Notizie Italiane

Il vino rinuncia alla bottiglia in vetro per fermare l’aumento dei prezzi

La Presidente di Ascovilo Giovanna Prandini propone l’autorizzazione di materiali diversi per imbottigliare

Gli eventi internazionali degli ultimi anni hanno rivoluzionato le abitudini consolidate della vita comune, introducendo cambiamenti a volte forzati ma necessari per contrastare la situazione.

Le materie prime salgono alle stelle, i trasporti diventano meno agevoli e più costosi e tutto inevitabilmente va a pesare nelle tasche dei consumatori. Il vino non fa eccezione e sta vivendo le sue difficoltà certificate da uno studio del Censis – Alleanza Cooperative Agroalimentari Vino, che stima a 1,1 miliardi di euro la variazione dei costi che graverà sulla filiera vitivinicola.

Dopo la crisi degli imballaggi con aumenti compresi tra il 23% e il 30%  consegne rarefatte e non poche difficoltà  all’orizzonte, il nuovo ostacolo da superare per non far lievitare i prezzi del vino viene dall’imbottigliamento.

L’aumento sarà inevitabile se non si si autorizzano modalità di imbottigliamento con alcuni tipi di cartone o plastica, materiali che attualmente sono vietati dai disciplinari di produzione. Questa è la proposta di Giovanna Prandini, presidente di Ascovilo (l’associazione che riunisce i consorzi lombardi del vino) che nell’intervista rilasciata all’agenzia di stampa AGI, ha lanciato l’allarme sugli aumenti del vetro del 12% da marzo ad aprile, peraltro con un minimo preavviso  e a listini già pubblicati per quest’anno.

Le modifiche ai disciplinare per forza di cose non possono essere immediate ma la Presidente propone di adottarle in via sperimentale per consentire di testare materiali diversi.

La numero uno di Ascovilo spera inoltre che i produttori possano in parte assorbire gli aumenti evitando di scaricarli completamente sul comparto horeca già messi a dura prova dalla pandemia.

Le eventuali alternative comunque, sempre secondo la Prandini vanificherebbero il lavoro già fatto sulla ricerca di contenitori sostenibili per ridurre l’impatto ambientale.

Rammarico che si aggiunge alla mancata solidarietà di tutta la filiera che lasciando i produttori senza i materiali di confezionamento da reperire in Italia li costringerà nel breve a rivolgersi all’estero.

Bruno Fulco

 

 

 

 

 

 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button