Info & Viaggi

Il Satèn protagonista della XIX edizione di Villa in Verticale

Il Satèn è stato il protagonista della XIX edizione della degustazione in verticale organizzata dall’azienda Villa Franciacorta. L’appuntamento annuale tanto atteso e ambito da giornalisti, appassionati ed esperti del settore è stato condotto da due sommelier d’eccezione: Nicola Bonera, miglior Sommelier d’Italia nel 2010 e Dennis Metz, miglior Sommelier in carica e vincitore dell’ultimo Premio Franciacorta.

 

In degustazione dieci annate, tra il 1996 e il 2009, quest ultimo presentato in anteprima per l’occasione. Il Satèn nasce nel 1995, ed è uno dei prodotti simbolo della maison franciacortina, che da sempre segue una filosofia aziendale nel rispetto della natura e della tradizione, infatti Villa Franciacorta utilizza esclusivamente le proprie uve provenienti dai 37 ettari di proprietà al fine di garantire passaggio per passaggio l’intera filiera produttiva. Il Satèn è chiamato così perché ricorda la morbidezza del satin, tessuto setoso e vellutato. E rappresenta circa un quarto della produzione dell’azienda Villa Franciacorta, che ne produce ogni anno circa 250.000 bottiglie.

 

Corrado Cugnasco ed Ermes Vianelli, rispettivamente enologo e direttore della produzione, hanno illustrato il percorso evolutivo che ha caratterizzato le diverse vendemmie negli anni di riferimento. Mentre i conduttori delle degustazione in verticale, Nicola Bonera e Dennis Metz hanno richiamato l’attenzione degli ospiti presenti sulle due caratteristiche principali che fanno del Satèn Villa l’esemplare di spicco del panorama franciacortino: la freschezza del frutto nelle annate più recenti e la rotondità e corposità del gusto in quelle invecchiate.

 

Ogni annata degustata ha espresso al meglio le caratteristiche e le peculiarità delle diverse vendemmie. Ed è ciò che l’azienda Villa si prefigge ogni anno con i propri millesimi: contraddistinguere l’annata e valorizzare il terroir. I vini che hanno ottenuto le migliori preferenze sono stati il 2004 con 91,9 punti, il 1996 con 90,6 e il 2001 con 89,8 punti.

 

La verticale si è conclusa con una gradevole sorpresa: la degustazione alla cieca di un ultimo vino: Satèn Selezione 2001, con una sboccatura di 7 anni e 12 di vita. Alessandro Bianchi, patron di Villa Franciacorta ha affermato: “Sono molto orgoglioso della possibilità di fare la filiera completa, usando solo uve di nostra produzione, senza comprarle da altri, a discapito anche delle condizione climatiche delle annate. Come nel 1999, che per colpa di una forte grandinata non abbiamo potuto accontentare i nostri clienti.”

Isabella Radaelli

i.radaelli@egnews.it


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button