Stile e Società

Il libro è di carta non nello smartphone e il vino si beve in buona compagnia

Bel pomeriggio seguito da una ottima cena prima della limitazione degli orari alla Osteria Vini d’Italia in Via Emilia Levante a Bologna.

Emanuele Greco ha presentato il suo eccellente libro “L’origine dei nomi di 1000 vini italiani” che è piaciuto molto a un certo Francesco Guccini.

Una ricerca durata molto tempo ha portato Emanuele a decidere di pubblicare questo prezioso libro.

Leggendolo si capisce l’origine dei nomi di 1000 vini italiani che a volte sono davvero strani e quasi incomprensibili.

Ci sono interessanti ed inediti particolari storici legati ai territori dai quali i vini provengono.

Il sottoscritto ha parlato dei vini autoctoni della tradizione Petroniana andati perduti.

Notevole l’importanza della Consorteria dei Brentatori di Bononia che sono stati i primi sommeliers e che all’occorrenza diventavano pompieri.

E poi l’evoluzione del Pignoletto il vino simbolo dei Colli Bolognesi nel corso dei secoli che quest’anno festeggia i 10 anni della DOCG.

La cultura e la storia del vino sono una parte molto importante della storia del mondo. Alla fine della conversazione e dopo alcune interessanti domande aperitivo con Pignoletto Frizzante e Baldo Chardonnay della Cantina Rivabella di Calderino nel comprensorio dei Colli Bolognesi.

Il menù della cena 100 % Bolognese ha visto arrivare in tavola Fritto Misto alla Bolognese con i Tortellini Fritti. Abbinati al Pignoletto Frizzante molto fruttato e con un bellissimo colore giallo oro.

Classica Stretta o Tagliatella al Ragù e Balanzoni a seguire.

Sì poteva scegliere tra uno spettacolare Baldo Sauvignon, ha un bellissimo colore giallo dorato e profumi inebrianti di fiori e frutta bianca evoluti, peperoni verdi e menta. Un profumato Chardonnay Spumante portati da Davide Lazzari. Con la super classica Cotoletta alla Petroniana il Principe dei Rossi Cabernet Sauvignon Riserva.

Ottimo equilibrio, sentori di spezie morbide e frutti di bosco, tabacco dolce tipo Virginia. Chiusura con le Raviole di San Giuseppe ripiene di Mostarda Bolognese intinte a piacere nel bicchiere di Principe dei Rossi o del Baldo Sauvignon.

I vini portati da Davide Lazzari dalla sua cantina fanno parte della Linea Vigneto Pratogrande


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco.
Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Back to top button