Curiosità

Il governo blocca le categorie meno rappresentate e più facili da controllare

Il nuovo DPCM volto a limitare e ridurre il contagio è assai contraddittorio.

Non è sicuramente facile calibrare le misure e la cosiddetta opposizione strepita solamente e non mette insieme una proposta credibile.

Non serve a nulla fomentare manifestazioni che degenerano in guerriglia urbana.

Prestano il fianco a estremisti di destra, malavita e confusi negazionisti di tutto che non capiscono niente come i gilet arancioni.

Le categorie produttive non sono trattate allo stesso modo.

Parrucchieri e centri terapici possono stare aperti, ristoranti, bar, osterie, trattorie devono chiudere alle 18.00.

Niente concerti, spettacoli teatrali, film, sagre e fiere.

Chiuse sale da ballo e sale bingo.

Vietate le attività sportive e palestre chiuse.

Stop ai campionati giovanili di calcio, ma le arci miliardarie serie A e B possono giocare. Perché?

La risposta è che questi due campionati  danno lavoro a 300.000 persone.

Ma non si parla delle decine di miliardi di plusvalenze, nero ed evasione e di tutti i loschi affari che animano questo cosiddetto sport che sport non è più da un pezzo.

E i milioni di lavoratori che operano nel settore turistico e della ristorazione non contano?

E per gli imprenditori della ristorazione non possono bastare il posticipo del credito di imposta, la cancellazione della seconda rata dell’IMU. L’ampliamento dei dehors e i contributi a fondo perduto.

I gestori dei locali hanno speso denaro per adattare le loro attività e proprio mentre ci sono buoni segnali di ripresa arriva questo iniquo provvedimento.

Che senso ha consentire l’apertura dei locali a mezzogiorno e negarla la sera?

Il virus non fa distinzioni di orario.

In chiesa sì e all’osteria no, dal barbiere si può andare ma non al cinema. Perché?

Autobus e treni stracolmi possono continuare a circolare, ma niente aperitivo per chi se lo può permettere.

Sicuramente non si possono fermare autobus, pullman e treni che sono i mezzi più usati dai lavoratori pendolari.

Però devono essere implementati i mezzi e non farli riempire più di tanto.

Al ristorante o in osteria, al bar, in trattoria, in pizzeria, in agriturismo si sta a debita distanza di sicurezza.

Restano aperti i ristoranti degli hotels e degli alberghi: lì il virus non entra.

E che senso ha tenere aperti sabato e domenica i centri commerciali nei quali si assembrano decine di migliaia di persone e chiudere i teatri nei quali si era limitata la capienza a meno di un terzo.

I taxisti sono sul piede di guerra e con i loro mezzi occupano le strade e le piazze delle città. Niente turisti o quasi, niente fiere ed eventi e i tassametri non girano.

I presidenti delle regioni stanno trattando con l’esecutivo per far spostare la chiusura dei locali alle 23 o alle 24 e per consentire le attività culturali e ricreative.

Non si possono decidere provvedimenti come si sparasse una pallina in un flipper che ovviamente colpisce a caso le categorie.

Umberto Faedi 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco.
Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Back to top button