Notizie Italiane

Il glifosato è pericoloso ma non cancerogeno per l’ECHA

Il glifosato è pericoloso ma non cancerogeno per l'ECHA

Il glifosato è pericoloso ma non cancerogeno per l’ECHA

 

l’ECHA – European Chemical Agency

Il 30 Maggio l’ECHA – European Chemical Agency ossia Agenzia Europea per la Chimica ha reso nota la conclusione dello studio sul glifosato svolto per suo conto dal RAC – Risk Assessment Committee – Comitato per la Valutazione del Rischio. 

Era una revisione programmata che ha portato alla conclusione che l’attuale classificazione del glifosato è adeguata al profilo tossicologico ed eco tossicologico. 

Non sono quindi necessarie modifiche alla classificazione di questo prodotto  largamente impiegato soprattutto negli Usa, Canada e in alcune nazioni del Nord Europa. 

Viene sottolineato il fatto che può provocare gravi lesioni oculari venendone a contatto ed è tossico per organismi acquatici sensibili. Il RAC ha riscontrato che le attestazioni scientifiche attualmente disponibili non sono sufficienti per poter classificare il glifosato come sostanza cancerogena, mutagena e tossica per la riproduzione.

 Il rapporto verrà inviato alla Commissione UE entro il mese di Agosto e successivamente l’EFSA – European Food Safety Authority l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare che ha sede a Parma effettuerà la valutazione dei rischi di impiego del glifosato. 

Dopodiché sarà la Commissione UE a valutare e analizzare le conclusioni di EFSA che non saranno disponibili prima del Luglio 2023 e dei rapporti di valutazione del rinnovo stilati da Francia, Paesi Bassi, Svezia e Ungheria. 

Passerà quindi molto tempo durante il quale le nazioni che impiegano il glifosato nei campi e nei silos continueranno a farlo legalmente. 

Questo pericoloso erbicidida è stato sintetizzato dalla multinazionale Monsanto a metà degli anni Settanta. 

La potentissima Bayer ha successivamente assorbito la Monsanto. 

Deformazioni derivate dall’uso senza protezioni del pesticida

A partire dal 2015 le polemiche su questo prodotto si sono scatenate dopo che uno studio della OMS – Organizzazione Mondiale della Sanità lo classificò come potenzialmente cancerogeno. 

Le organizzazioni non governative HEAL – Health and Environment Alliance, EAB – European Environment Bureau e ClientEarth hanno partecipato alle riunioni dell’ECHA in qualità di osservatori esterni per conto della società civile e criticano aspramente le conclusioni del comitato. 

Secondo i medici e gli scienziati appartenenti a queste associazioni il mancato riconoscimento del potenziale nocivo e cancerogeno del glifosato rappresenta un passo indietro rispetto alla lotta contro il cancro. 

Gli studi dell’ECHA e dell’industria in merito alla genotossicità dell’erbicida sono incompleti e devono essere approfonditi e completati per garantire la salute dei consumatori e dei lavoratori che vengono a contatto con questa pericolosa sostanza.

Umberto Faedi 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 94E0301503200000006351299 intestato a Francesco Turri

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio