Tribuna

Il Bio tra esigenza salutare e interesse di mercato

Non sono pochi coloro che, specialmente giovani coppie e maschi in età, a cui le mogli affidano la spesa, mettono nel carrello le confezioni con l’etichetta bio, convinti di portare a casa il non plus ultra del salutare.

Invero, mettendoci pure noi tra i consumatori, giacché lo siamo, e trovandoci spesso per le mani sugli scaffali dei supermercati degli ortaggi (ad es. le carote) o della frutta (ad es. le banane) con la dicitura di garanzia bio, siamo tentati ad optare per questi, specie se abbiamo figli della cui salute da genitori giustamente ci preoccupiamo e non badiamo certo alla spesa di qualche spicciolo in più, senza porci il problema di come possono essere di agricoltura bio alcune banane e altre no provenendo sempre dall’Equador.

Effettivamente, pochi approfondiscono la definizione di “bio”, di agricoltura biologica, e va ricordato che l’agricoltura biologica non esclude fitofarmaci e pesticidi, anche se di norma i concimi e fitosanitari impiegati non sono prodotti in laboratorio bensì sono di origine organica e naturale.

In una passata edizione del settimanale www.italiaatavola.net/ viene riportata la notizia che sulle tavole degli italiani è sempre più bio-mania, dal pesce alla carne, dai legumi alle verdure, ma anche pasta, frutta secca, dolci, ovviamente l’olio e pure il vino.
Vi è scritto che nei primi nove mesi del 2018 si è registrata la nascita di ben 4.500 imprese agricole e ittiche con certificazione biologica, portando il totale a oltre 62mila imprese “bio” operanti in Italia. Per la maggior parte si tratta di realtà localizzate nel Mezzogiorno (il 54,1%), più del doppio di quelle con sede al Nord (il 25%) e quasi tre volte quelle del Centro Italia (il 20,9%).

Indubbiamente questa svolta è assecondata dalla sempre maggiore sensibilità dei consumatori verso l’ambiente e si intreccia con la convenienza economica delle aziende per opportunità di mercato.
Fiduciosi che quanto riportato in etichetta corrisponda a sincerità, gli Italiani sono sempre più orientati verso il consumo di prodotti di origine il più naturale possibile. Ed in questo caso è più che corrispondente al vero lo slogan “per rispondere alle richieste dei consumatori”.

Maura Sacher


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button