Punti di Vista

I vignaioli felici fanno vino buono, Vinitaly insegna

A Vinitaly forse più che nelle altre rassegne vinicole nazionali ed internazionali si vive un’atmosfera “speciale”, è in mostra orgogliosamente la produzione di quasi tutti i vigneti italiani e si può tangibilmente vedere ciò che può essere ottenuto con l’uva.

Il mondo del vino è un mondo meraviglioso. Abbisogna solo di essere studiato, capito, approfondito.
Sfogliando le video-interviste agli espositori partecipanti a Vinitaly, fatte dal nostro editore, Francesco Turri e pubblicate sulla pagina Facebook del giornale, si resta colpiti dai sorrisi con cui i protagonisti del mondo del vino presentano i prodotti e dall’entusiasmo che esprimono descrivendo le loro bottiglie.

Per questo i vignaioli di Vinitaly si mostrano felici: l’apprezzamento del pubblico, degli intenditori, dei compratori è la loro soddisfazione per la dedizione e la passione profusa nel lavoro, che parte dalla terra, dalla cura del terreno, perché fare vino non è esclusivamente questione di tecnica, bensì soprattutto di amore.

I vignaioli felici del loro lavoro, una vera professione che si avvale di altre competenze professionali, non possono che fare vino buono.

Qualcuno degli intervistati a Vinitaly ha detto una cosa bellissima: «Raccontare il proprio vino significa raccontare il passato, la storia del territorio, tutto si ritrova versato nel bicchiere».
E noi, quando stappiamo una bottiglia e ne versiamo il contenuto in un bicchiere, dobbiamo essere consapevoli che stiamo per approcciare a qualcosa che è frutto del lavoro dell’uomo, di tanti uomini curiosi e appassionati, da millenni a questa parte, non è un’invenzione d’oggi.

Direi addirittura che fare vino è anche un atto di altruismo, di generosità, affinché l’umanità intera possa godere ed apprezzare questo bendiddio che la Natura ci ha elargito dandoci l’uva. E in quanto tale deve essere rispettato, con un bere davvero consapevole.

Maura Sacher


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button