Un occhio sul mondo

Gli stabilimenti balneari tra rincari e controlli

Gli stabilimenti balneari tra rincari e controlli

Gli stabilimenti balneari tra rincari e controlli

 

In Italia ci sono circa 7200 bagni ubicati lungo le coste della penisola e delle isole.

 La media del canone versato allo stato è di circa 2500 euro ogni anno….. 

Sicuramente si devono considerare i costi della concessione, dei materiali, della manutenzione annuale, gli stipendi del personale e gli oneri tributari. 

Ma di certo i concessionari non ci rimettono visto che la maggior parte di questi stabilimenti sono gestiti da decenni dalle stesse persone e famiglie. 

Questa estate si stanno registrando aumenti considerevoli dei noleggi giornalieri di sdrai e ombrelloni in molti bagni anche se ci sono gestori che non hanno aumentato se non di poco le tariffe. 

Anche i bar e i ristoranti che si trovano all’interno delle strutture turistiche hanno tendenzialmente aumentato i prezzi delle consumazioni. 

E come ogni anno vengono effettuati numerosi controlli per garantire la salute e la sicurezza dei clienti e dei frequentatori dei bagni. 

I reparti NAS dei carabinieri hanno effettuato controlli a tappeto dall’inizio della stagione delle vacanze. 

Hanno controllato 833 stabilimenti ed è risultato che quasi uno su tre ha purtroppo appalesato irregolarità più o meno gravi. 

Venti strutture totalmente irregolari e abusive sono state chiuse definitivamente. 

Sono ben 415 le sanzioni amministrative e penali contestate e verbalizzate dai militari. 

Le irregolarità maggiormente riscontrate riguardano le carenze igieniche degli spogliatoi e delle docce, i servizi igienici e le toilette nonché i locali adibiti alla preparazioni di piatti. 

Riscontrate anche molte inosservanze riguardo le norme relative alla sicurezza negli ambienti di lavoro e per la prevenzione dei rischi di utilizzo delle strutture da parte dei clienti. 

In molti bagni è stata verificata l’assenza di pulizie periodiche mediante controlli ripetuti a sorpresa. 

Sono state sequestrate complessivamente oltre 2 tonnellate di alimenti scaduti, privi di qualsiasi tracciabilità o conservati davvero in cattivo stato. 

L’ ammontare totale delle sanzioni comminate è di circa 300.000 euro e undici titolari di attività balneari sono stati deferiti alle autorità giudiziarie. 

Tre ristoranti annessi a bagni sono stati chiusi dopo che le ispezioni hanno evidenziato evidenti tracce di sporco stantio, incrostazioni di unto su impianti e attrezzature, cucine e ambienti. 

Insetti morti e rinsecchiti sono stati rinvenuti nelle cucine, negli spogliatoi e nei depositi degli alimenti. 

Umberto Faedi 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 94E0301503200000006351299 intestato a Francesco Turri

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio