Punti di Vista

Galateo per il turista e sanzioni per il cattivo comportamento

Quale è il problema? Non esiste forse un codice di comportamento di valore universale tramandato da millenni in tutte le civiltà del globo per regolamentare la condotta dei cittadini, a cui si devono conformare anche i “forestieri” (oggi in veste di turista)?

Perché contestare le regole emanate dagli amministrazioni locali, sia nelle grandi città d’arte, da Roma a Firenze a Venezia, sia nelle località prettamente turistiche? Perché il comportamento del turista mordi e fuggi deve rovinarne il decoro?

Tra i principi del Galateo del turista: vietato sedersi con i piedi a mollo nell’acqua delle fontane, e a Venezia tuffarsi nei canali, fare pic-nic sui gradini di Palazzi e Chiese, sdraiarsi a prendere il sole sugli stessi (tantomeno a torso nudo, per i maschi, o in reggiseno, per le femmine) o in altre aree cittadine, compresi i giardinetti, bivaccando e abbandonano rifiuti ovunque.
Persino nelle località marine è vietato girare per le strade del centro in abbigliamento balneare, o entrare nei locali pubblici. Da anni le amministrazioni locali emanano prescrizioni a cui deve attenersi il turista. Cosa c’è di male?

Non ci sono forse cartelli ben visibili davanti ai Musei con le figure di abbigliamenti e comportamenti proibiti per accedervi?

E finalmente anche a scuola dei dirigenti hanno emanato circolari sul corretto abbigliamento, vietando short e canotte in classe. Ogni luogo merita il suo rispetto, se ne facciano una ragione gli anarchici e quelli che non hanno ricevuto un’educazione dalla loro famiglia.
Idem per gli impiegati di uffici pubblici e specie nei settori aperti al pubblico. L’abbigliamento del dipendente rispecchia l’immagine dell’azienda.

Non si può vivere in una comunità civile senza rispettare le regole, e ben vengano le sanzioni deliberate dalle Amministrazioni Comunali. Chi giornalisticamente le contesta è per partito preso (e si sono mosse amministrazioni di colore trasversale) o solo un pretesto per fomentare dissidenze nell’opinione pubblica.

Maura Sacher


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button