Vini e Ristorazione

Fuori orario e calendario con governatori prepotenti che danno i numeri

Il caos e soprattutto la disparità causata dalla differenziazione delle regioni impera.

Regioni con grandi numeri di contagi, dati incerti e forse alterati che vengono promosse si contrappongono a  regioni scrupolose che sono veramente migliorate nei dati.

Governatori prepotenti e infingardi puntano i piedi, fanno la voce grossa e le loro regioni cambiano colore quasi magicamente.

I provvedimenti che sono stati messi in campo dall’esecutivo riguardo le feste di Natale e Capodanno scontentano tante categorie quali il divieto di uscire dal proprio comune il 25, 26 Dicembre e a Capodanno.

Molti ristoratori sono chiusi da settimane avendo rinunciato a fare asporto, unica attività consentita alla ristorazione.

Potranno aprire in zona gialla il 25 e 26 Dicembre e a Capodanno fino alle 18.00. 

Non si capisce perché i ristoranti degli alberghi e degli hotel possono essere in attività il 25, 26 e 31 Dicembre alla sera, seppure con la limitazione delle cene consumate in camera.

E veniamo alla questione degli orari.

Categorie che prevedono afflussi di persone possono stare aperte tutti i giorni così come i centri commerciali non superiori a 2500 mq, chiusi nei giorni festivi e prefestivi. E lì non si radunano persone?

Dalle città riaperte arrivano immagini di strade e piazze farcite di persone.

E le distanze?

E le paratie?

Invece i locali che hanno adattato gli spazi secondo le misure non possono stare aperti e in zona gialla non possono aprire la sera.

I ristoratori hanno speso denaro per adeguare i locali, molti hanno dipendenti e non vogliono assolutamente licenziarli, ma non possono aprire alla sera.

Il famoso comitato tecnico scientifico che aleggia sulla vita degli Italiani come una entità astrusa.

Dispettosa e misteriosa non ha mai spiegato perché e come ci si contagi al ristorante e non dalla parrucchiera o al centro commerciale dove si accalcano migliaia di individui.

E nemmeno perché a pranzo ci si può sedere a tavola al ristorante, in trattoria, in pizzeria, in osteria, in un pub, al bar e perché non si può alla sera.

E veniamo alla messa della vigilia di Natale.

La Cei si è detta disponibile ad anticiparla alle 20.00 o alle 21.00.

Ma alle 22.00 scatta il coprifuoco fino alle 5 di mattina.

I partecipanti alla messa andranno a casa in processione, ovviamente distanziati, esentati dal coprifuoco e scortati dai gendarmi pontifici? 

Umberto Faedi 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Back to top button