Stile e Società

Fotomania dei piatti in ristorante

Abbiamo notato più volte che le minime regole del bon ton a tavola non sono patrimonio collettivo e un telefonino, nelle sue varietà più moderne, con la massima disinvoltura viene spesso posizionato sulla tovaglia. Proprio favorita dalla versatilità di quegli strumentini, si è diffusa la tendenza a utilizzarli per fotografare la scenografia del desco, in qualunque ambiente ci si trovi. 

Non sono poche le persone che si prodigano a fotografare i piatti prima di gustarne il contenuto. “Si mangia con gli occhi” non è forse un detto popolare?

È comprensibile che il fascino di un’opera d’arte induca lo spettatore a immortalare un capolavoro, quale spesso è il piatto sapientemente preparato da uno chef, stellato o meno.
I Gourmet e i Foodblogger lo fanno giustificati dal pezzo giornalistico che devono redigere, i più comuni avventori per conservare nella memoria la piacevole sensazione estetica provata e anche per postarla nel social network preferito al fine di testimoniare al mondo degli amici la fortuna capitata.

Alcuni cuochi francesi, invece, da qualche tempo, sono scesi in guerra contro i commensali fotografi. Si sono ribellati, affiggendo cartelli con il divieto di usare smartphone nel locale e addirittura pensando di dotare la sala pranzo di pannelli anti-ricezione cellulare, come altri colleghi della Grande Mela.
Difendono la unicità della loro “performance” culinaria, quasi avessero timore che da una foto si possano scoprire gli ingredienti della ricetta.

È stato persino coniato il termine “foodporn”.

È naturale che uno Chef con le stellette si senta inviolabile e voglia mettere il Copyright sulle proprie creazioni ed è anche vero che in un locale chic non è bello vedere un commensale salire persino sulla sedia per cogliere l’inquadratura migliore (costui dovrebbe vergognarsi!). Sono affronti all’etichetta.
Tuttavia non è che una foto privi della “sorpresa” i futuri eventuali ulteriori avventori, come adducono gli inferociti.

Anzi, l’esaltazione di quella cucina attraverso una fotografia potrebbe diventare strumento di marketing.
Di questo parere sono molti Chef nostrani, i quali riconoscono che è tutta pubblicità gratuita.
A patto che venga giustamente citato il nome del locale o del cuoco, auspicandosi che l’immagine riprodotta sia a giusta definizione e non distorta.
E a meno che la foto di un piatto non venga esibita per gettare una luce negativa sul ristorante, ma ciò sarebbe difficile controllare e verificare.
Ed in ogni caso sarebbe stimolo per un esame di coscienza.

Maura Sacher


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button