Tribuna

Fiori a centro tavola sì o no?

È stato sempre detto che un centrotavola è indice di raffinatezza e di attenzione per i particolari, sensibilità per l’estetica, ed un abbellimento di effetto, purché poco ingombrante e in consonanza allo stile del banchetto.

Sulla mensa delle grandi occasioni il centro tavola riempie uno spazio che di solito resta vuoto, specie se la tavola è grande e ospita molti commensali, ma è un extra anche nella semplicità di un’apparecchiatura per due.

Gli oggetti da porre ad ornamento della mise en place variano da situazione a situazione, a seconda dell’ambiente, della stagione, e anche dell’evento che ha radunato gli ospiti.

Per inviti natalizi o molto intimi stanno bene le candele, purché i candelabri non siano troppo alti da ostacolare la visuale con il dirimpettaio, o composizioni con tocco in tema, e pure ortaggi freschi lavorati con gusto artistico fanno la loro bella figura su tavolate informali e specie d’estate.

Per centro tavola, tuttavia, si intende principalmente una composizione floreale con fiori freschi.

È piacevole godere di un po’ di natura viva, in tutte le stagioni, l’importante per il Galateo è non si tratti di un vaso troneggiante, che non solo è ingombrante ma anche pericoloso, non sia mai venga urtato!

Evitando una ciotola trasparente in cui si vedrebbe ben presto intorbidire l’acqua, il fioraio esperto sa preparare la soluzione più adatta e fornirebbe anche il supporto, che basta deporre su un bel centrino o piatto d’argento. Con fantasia possiamo creare noi stessi le composizioni. Il web è pieno di blog con consigli.

I fiori scelti non devono emanare un forte profumo come iris o gladioli, che oltre a dare fastidio a qualcuno copre gli aromi delle pietanze.

I colori dei fiori devono staccarsi dalla tinta della tovaglia quel tanto che basta, escludendo il tono su tono, ma piuttosto richiamando il servizio. Va da sé che su una tavola apparecchiata con stoviglie dalle linee più moderne, anche il centro tavola sarà in sintonia, preferendo ornamenti floreali dalla linea stilizzata.

Deve apparire chiaro che, se sulla tavola viene collocato un centro di qualunque tipo, le bottiglie non hanno diritto di starci, devono scomparire dalla vista, come si conviene in tutte le occasioni formali.

Tuttavia, oggi, un po’ perché i tavoli sono di ridotta ampiezza e già l’apparato dei singoli coperti deve rispettare i canonici 70 cm di spazio personale, un po’ perché i giovani padroni di casa, piuttosto che spendere in fiori acquistano una bottiglia di vino o spumante di livello, i centri tavola stanno scomparendo, senza che alcuno li rimpianga.

Resistono sicuramente le candele, investite del loro fascino in tutte le speciali atmosfere che ognuno di noi può creare.

donna Maura


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button