Stile e Società

Ferrara Fiere allarga il campus con l’Università

Anche le fiere stanno attraversando un momento difficile.  Da fine febbraio in poi le varie manifestazioni sono state annullate o rinviate in autunno con la speranza che da settembre in poi si riescano ad organizzare e la cosa non è affatto scontata.

Ferrara non sfugge a questa regola,  ed il Salone del Restauro  e Remtech Expo in calendario dal 22 al 25 settembre. Così come Sealogy, il primo salone europeo dedicato al mare prevista dal 20 al 22 novembre diventeranno “Virtual expo”. Ovvero “si sta studiando la formula – come afferma il presidente Filippo Parisini – per garantire la massima qualità”.

Niente da fare invece per il Balloons Festival previsto a settembre  (Ferrara Fiere lo gestisce per conto del Comune di Ferrara) .

La rassegna dedicata alle mongolfiere ritornerà l’anno prossimo.

Interno padiglioni fiera di Ferrara

Parisini ha inviato una informativa ai soci (Bologna Fiere, Camera di Commercio, Comune, Bper Banca, Holding Ferrara Servizi, Provincia). Nella quale informa  di avere esposto al rettore dell’Università di Ferrara, Giorgio Zauli e al direttore amministrativo Giuseppe Galvan, un progetto per mettere a disposizione dell’Università un ampliamento dei padiglioni giù in uso.

“Dal 2018 sacrificando la gestione caratteristica della Fiera ma innovando nel campo dell’individuazione di nuove frontiere di servizi siamo stati coautori  e comprotagonisti – spiega Parisini – assieme a Unife, Comune di Ferrara e Tper,  della sperimentazione di un apprezzato service logistico a favore di circa duemila studenti della facoltà di biotecnologia.

Nel 2019 con i medesimi attori abbiamo riconfermato il servizio che è stato esteso alle selezioni e prove d’esame.

Nel medesimo anno 2019 Ferrara fiere si è aggiudicata il Career Day a comprova della costante dedizione a offrire servizi in favore delle esigenze del mondo universitario ferrarese senza dubbio originale e audace attore di proposte per lo sviluppo locale.

Magnifico Rettore UniFe Giorgio Zauli

Per i servizi riguardanti l’anno accademico 2020-2021 – prosegue Parisini – prima dell’emergenza sanitaria erano in corso interlocuzioni per l’ampliamento degli stessi.

In considerazione del momento generale in previsione dell’importante prossime valutazioni assembleari. (in programma il 30 aprile). Al fine di delineare il futuro post Covid-19 per il risanato quartiere fieristico. Le sfide che ci attendono anche alla luce di una evidente difficoltà di ripartire in tempi brevi del settore fieristico tradizionale”.

La proposta di Parisini è quella di utilizzare il quartiere fieristico di circa 22mila metri quadrati. Dotato di accessi multipli, distanziamenti, accessibilità , infrastrutture, parcheggi, dotazione di servizi, ancora maggiormente  per soddisfare esigenze di didattica reale a un grande numero di iscritti. (Era stata chiesta una disponibilità per 4mila studenti ma si può arrivare anche a 6mila).

“Questo anche nel contesto di servizi di teledidattica  – spiega Parisini – già pre pandemia”.  La proposta non è in contraddizione con l’idea lanciata dal rettore dell’ateneo ferrarese Giorgio Zauli di dare più spazio ai corsi a distanza e all’uso della telematica. 

“Credo che caratterizzare attualmente la Fiera come un “campus” può rispondere anche ad una esigenza della città di Ferrara – conclude Parisini – che è quella di mantenere un elevato numero di iscritti all’Università con eventi ricadute positiva per la città”.


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button