Notizie Italiane

#FeelVenice: il (vin) moro di Venezia

Evento degustazione con banchi d’assaggio dei vini di Venezia

Con questa prima edizione di #FeelVenice il Consorzio Vini Venezia vuole puntare i riflettori su uno scenario straordinario, ricco di storia cultura e di tradizioni.
Magari ai più, parlare di vino in terra di mare e di laguna può sembrare assai strano, ma a Venezia ed in tutta la pianura veneta, la coltivazione della vite risale a qualche millennio fa. Furono però i Romani ad influenzarne fortemente il destino dando il via al mutamento che ci ha portati alla situazione ampelografica attuale.
L’evento-degustazione si terrà nello splendido brolo del complesso del Convento dei Carmelitani Scalzi, giusto a due passi dalla stazione di Santa Lucia. Un luogo sconosciuto ai più ma la cui Chiesa di Santa Maria di Nazareth è immediatamente riconoscibile per la sua imponente e ricchissima facciata marmorea; anche chi l’ha visitata, ignora che proprio dietro all’edificio sacro sorga un convento e un singolare giardino: è l’antico Brolo (“giardino recintato” appunto) dei Carmelitani, sorto a metà del ‘600. Anche se solo una parte di questo maestoso giardino è sopravvissuta al tempo – nel 1870 i binari della nuova stazione si sono impossessati di una buona parte dell’area -, il Brolo con il suo giardino rimangono a testimonianza, prendendo il nome nel 2015 di “Giardino Mistico” con le sue sette aiuole, la cui simbologia religiosa e numerologica delle sacre scritture si fondono in uno spazio unico e davvero incantevole.
In questo luogo mistico, sabato 23 settembre a partire dalle ore 14.00 saranno protagonisti i vini del Consorzio Vini Venezia insieme alle eccellenze dei produttori gastronomici del territorio. Ospiti d’onore per questo primo anno saranno il “Raboso” e il “Friulano” con degustazioni libere anche di tutti gli altri vini delle Doc Piave a Lison-Pramaggiore.
Per chi volesse approfondire l’argomento, alle ore 9.30 presso il Convento dei Carmelitani Scalzi, il Prof. Ulderico Bernardi, sociologo e scrittore, presenterà il suo libro “Quando Raboso e Friularo si chiamavano vin moro”; un evento a prenotazione, visto il limitato numero di posti.
Per la partecipazione all’evento è richiesta un’offerta minima di 10 euro che saranno interamente devoluti al restauro della facciata della Chiesa di Santa Maria di Nazareth.

http://www.youreporter.it/video_Il_vino_per_tutti?refresh_ce-cp


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Sonia Biasin

Giornalista pubblicista, diploma di sommelier con didattica Ais e 2 livello WSET. Una grande passione per il territorio, il vino e le sue tradizioni.

Articoli correlati

Back to top button