Bologna e il resto del mondo

Fattori che stanno cambiando il mondo del vino

Fattori che stanno cambiando il mondo del vino

User Rating: Be the first one !

Sono molti i fattori che stanno determinando importanti e fondamentali cambiamenti per il mondo del vino.

Sicuramente è grande la rilevanza che hanno assunto le tematiche ambientali e sociali trainate e fatte conoscere soprattutto dai social media.

Gli innegabili cambiamenti climatici hanno spinto le generazioni più giovani a mobilitarsi e ad agire per cambiare il cosiddetto status quo.

Stanno cambiando le scelte dei consumatori che pretendono più trasparenza e correttezza da parte dei produttori.

La pandemia ha evidenziato le responsabilità sociali e ambientali focalizzando l’attenzione sull’ambiente, la salute e gli ingredienti degli alimenti e dei vini.

Aumenta la domanda di vini da uve biologiche e vini bio-dinamici considerati più rispondenti alle tematiche ambientali.

La produzione globale dei vini è attualmente ancora in sovra più ma con l’aumento delle temperature e dei disastri ambientali ci sono i primi impatti negativi sulla offerta delle tipologie.

I viticoltori sono molto preoccupati perché temono che le uve matureranno più velocemente e ci siano netti cali di resa nelle prossime vendemmie.

Sono urgenti e improrogabili azioni che mitighino l’aumento delle temperature per garantire qualità e quantità dei vini.

L’e – commerce o commercio elettronico è diventato a causa della pandemia uno dei canali di vendita più importanti per le cantine e le aziende.

Ha consentito al mondo del vino una grandissima opportunità di crescita.

Le cantine e le aziende che avevano già approntato l’e – commerce prima della pandemia sono state avvantaggiate e hanno registrato una crescita notevole di ordinazioni.

Le imprese che non avevano approntato siti e portali con link per il commercio elettronico hanno dovuto adeguarsi velocemente per non restare fuori dal mercato.

La clientela più matura è quella più consolidata e che si è preoccupata maggiormente del covid e ha fatto moltissimi ordini in più da casa.

I giovani sono più avvezzi a frequentare i social nonché la rete e hanno quindi privilegiato l’e – commerce per gli acquisti di vini.

Il graduale ritorno ad una cosiddetta normalità non ha portato ad una diminuzione agli ordini in rete nei siti delle cantine e delle aziende.

L’universo commerciale è in costante evoluzione e le controversie sui dazi e la brexit continuano ad avere ripercussioni nel panorama mondiale delle esportazioni.

Vengono aggiornati gli accordi commerciali e nuove intese vengono stipulate.

Il regno ancora unito e l’Australia hanno firmato in Giugno un trattato che prevede la riduzione e la eliminazione dei dazi su molti beni e prodotti. Vini e distillati sono compresi nel novero soprattutto in funzione anti cinese.

La Repubblica Popolare Cinese  ha imposto qualche mese fa dazi molto alti sulla importazione di vini australiani.

La grande espansione dei vasti mercati asiatici per le esportazioni di vini e distillati è un fattore assai importante per le cantine e le aziende pronte a consegnare i loro prodotti.

Cina, Corea del Sud e Giappone sono sempre più interessate ai nostri vini e ad altri prodotti di eccellenza quali aceto balsamico, pasta e formaggi.

Le donne e i millennial fanno tendenza e scelgono e condizionano per la loro parte il mercato.

I clienti asiatici sono molto interessati alle storie delle cantine, dei territori, delle tradizioni e delle persone che sono dietro alla produzione delle bottiglie.

Devono essere aperti uffici di rappresentanza per attivare e mantenere i contatti e adoperare la rete per organizzare degustazioni on line per invogliare i possibili clienti ad acquistare.

Umberto Faedi . 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Back to top button