Vini e Ristorazione

Estasi in armonia ed Estasi in sinfonia: due spumeggianti gemelli reali

Due spumanti metodo classico, un brut ed un pas dosè ottenuti entrambi da Moscato reale, di origine greca, coltivato nei terreni tufacei-calcarei della zona DOC Moscato di Trani, la doc più antica di Puglia e più piccola d’Italia, una quindicina di ettari sulla fascia adriatica settentrionale della Puglia, utilizzando solo uve passite sulla pianta. IMG_2841Le uve dei vigneti di Contrada Fondola e Contrada Duchessa d’Andria nell’agro di Trani vengono allevati a pergola pugliese a due tralci, raccolte tardivamente nella seconda decade di ottobre quando hanno raggiunto la concentrazione di aromi e profumi ottimale, scartando i grappoli attaccati dalla botrytis cinerea. Un’attività relativamente giovane quella di Franco di Filippo, primo produttore di Puglia entrato a far parte dei Vignaioli indipendenti, iniziata nel 2005 con l’obiettivo di valorizzare il Moscato di Trani passito una tradizione che affonda nell’anno Mille quando Trani era base commerciale dei mercanti di Venezia. E proprio presso la collettiva della FIVI al 50^ Vinitaly abbiamo assaggiato i suoi capolavori.

Estasi passito Liberty è stato il primo vino prodotto. L’annata degustata il 2009: oro liquido lucente, notevole la consistenza, profumi eleganti che richiamano il vitigno con nette sensazioni di frutta gialla, miele e vaniglia con una chiusura su note agrumate, cioccolato bianco e la mandorla. Piacevole l’acidità, una dolcezza garbata ed una persistenza infinita. Ed accanto al passito le bollicine metodo classico, un “azzardo” come molti lo hanno considerato, in quanto si è partiti da una base passito e l’idea era quella di non produrre uno spumante dolce. Un lavoro che richiede molta attenzione; tremila bottiglie, rigorosamente in vetro bianco e due gemelli: un Pas dosé Estasi in Armonia,millesimato 2010, con sboccatura 2015, bottiglia 730 di 2.000 prodotte, diretto, pulito ed un Brut Estasi in sinfonia, millesimato 2010, sboccatura 2015, bottiglia 806 delle 2.000 prodotte, la cui liquer altro non è che poche gocce di passito, quelle che ritroviamo al naso. Incredibili all’assaggio, un perlage fine, fitto e continuo, bollicina suadente, priva di asperità.  Al naso si percepisce l’aroma varietale, intenso. Sentori di zagara, scorza di agrumi candita, note di zafferano. Pienezza di gusto che conferma ed arricchisce quanto promesso dal profumo. Ben equilibrato, un gradevole retrogusto di mandorla, sapido e sapori freschi.

Sono spumanti che non ti aspetti, quindi anche gli abbinamenti con i piatti sono originali. Li abbiamo provati con le ostriche, incredibile l’equilibrio che si genera esaltando il gusto marino, grazie soprattutto alla mancanza di acidità. Se non vogliamo arrivare a tanto le crni bianche, i formaggi stagionati e prosciutto crudo.

Piera Genta


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button