Stile e Società

EatPrato 2017 pane e Carmignano

EATPrato torna per tre giorni ad animare la città con proposte mirate a far conoscere i prodotti di qualità che la città toscana regala al mondo. Si parte dalla panificazione con un trekking urbano con spuntino notturno al profumo di pane appena sfornato, alle visite nei laboratori dove si producono i biscotti di Prato conosciuti e venduti in tutto il mondo.
EATPrato sarà una tre giorni fatta di incontri, visite, eventi dove ogni prodotto dell’area pratese avrà il suo spazio. Vari gli abbianamenti come quello dove le birre artigianali incontrano la e mortadella di Prato Igp o l’ampia offerta de gustativa dei vini di Carmignano DOCG, DOC e IGT.
Cooking show e convegni dedicati ora al cibo e salute ora ai linguaggi digitali nel mondo del food dal 9 all’11 giugno che ripete la fortunata edizione dello scorso anno anche se risente di un cambio di organizzazione. Questa volta l’iniziativa è promossa dal Comune di Prato in collaborazione con Associazione Strada dei Vini di Carmignano e dei Sapori Tipici Pratesi e organizzata da Artex con il patrocinio della Regione Toscana.
La kermesse, allestita al Giardino e Palazzo Buonamici, è alla sua seconda edizione e vede il coinvolgimento dei comuni del Pratese – Cantagallo, Vaiano, Montemurlo, Vernio, Carmignano, Poggio a Caiano – mentre riserva un’attenzione particolare ai prodotti certificati del territorio – dalla Mortadella di Prato ai Biscotti di Prato; dal pane di Gran Prato al vino di Carmignano – che allieteranno i menù di locali e ristoranti di Prato nei giorni della manifestazione.
Eatprato 2017 apre con un’ anteprima alle 17.30 il 9 giugno con la presentazione nella libreria Gori del libro “La Cucina dei mercati in Toscana”, ci guiderà nel gustoso tour per mercati la stessa autrice Giulia Scarpaleggia, food blogger e food photographer, blog Juls’ Kitchen.
Eat Prato 2017 quindi esordisce venerdì 9 giugno con l’inaugurazione dedicata a giornalisti, opinion leader, food blogger e influencer del mondo del food al giardino Buonamici. In programma un aperitivo pieno di sorprese (ore 19) introdotto dal critico enogastronomico Leonardo Romanelli, che accompagnerà il pubblico per l’intera manifestazione.
Si parte con il cocktail “Un Americano a Prato” a base di Vermouth rosso dell’Opificio Nunquam di Prato a cura del Caffè Buonamici, proseguiremo con le degustazioni di vino, prodotti tipici e assaggi, a cura dei produttori e dei ristoratori pratesi e poi ciliegina sulla torta, una dolce performance a cura del Consorzio per la tutela e valorizzazione del biscotto di Prato. A seguire, in città arriva “Pane&Stelle” il trekking urbano dedicato all’arte della panificazione (per giornalisti ma anche aperto al pubblico): un itinerario per le vie di Prato per scoprirne le bellezze architettoniche e culturali e il fascino notturno della città visitando i suoi forni. E compreso nel tour c’è anche uno spuntino notturno al profumo di pane. In collaborazione con Gran Prato e Andare a Zonzo. (Info e prenotazioni: www.andareazonzo.com)
L’emozione del gusto di eatPRATO sarà protagonista anche in città, i locali e i ristoranti di Prato proporranno nei loro menu e nei loro aperitivi i vini e i prodotti del territorio.
La giornata di sabato 10 giugno l’Antico antico mulino Bardazzi di Vaiano e il suo patron Marco Bardazzi apriranno le porte del mulino degli anni ’30 e alle 17 si torna a palazzo Buonamici per Dolce Lab, il laboratorio di pasticceria per bambini a cura del Consorzio per la tutela e valorizzazione del biscotto di Prato. Alle 17,30 prenderà il via un viaggio nel mondo della pasta, con Eleonora Cozzella e il suo libro “Pasta revolution. La pasta conquista l’alta cucina”, per conoscere la revolution di un ingrediente che da ordinario è diventato gourmet. A seguire il convegno su “Digital Marketing e nuovi linguaggi digitali nel food, potenzialità per il mondo dell’enogastronomia”, a cura di Wem Park, Laboratorio universitario per il marketing e le tecnologie IC e Cnova. Gli studenti di Wem Park Prato saranno anche autori del Web Reporter di eatPRATO.
La manifestazione dedicata alla cultura del cibo, del vino e del buon vivere continua nel pomeriggio di domenica 11 giugno. Dalle 17 c’è un nuovo laboratorio di pasticceria per bambini, alle 17,30, al Caffè le Logge, ci aspetta Andrea Gori, sommelier informatico, con il suo “Manuale di conversazione sui grandi vini rossi”, .al Museo del Palazzo Pretorio due nuovi appuntamenti (18,00 e alle 19,00) con la visita al museo e degustazioni di birra (del birrificio Rhyton) e Mortadella di Prato IGP, alle 19,00 un nuovo inebriante tuffo nel gusto ci aspetta nel Giardino Buonamici con vino e prelibati prodotti gastronomici pratesi. Alle 18 si parla di “Cibo e salute! e il Gusto?” nella sala Consiliare di Palazzo Buonamici. Il pomeriggio si conclude infine con nuovi cooking show, DolcePrato show e RistoPrato show e una nuova sessione della Wine school con le piccole lezioni di degustazione di vini.

Roberta Capanni


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Sonia Biasin

Giornalista pubblicista, diploma di sommelier con didattica Ais e 2 livello WSET. Una grande passione per il territorio, il vino e le sue tradizioni.

Articoli correlati

Back to top button