Stile e Società

E’ nato Ripaudo

Negli anni cinquanta la famiglia Macellaro inizia a lavora nella propria azienda agricola, nel 2010 la svolta dalla produzione foraggiera a vitivinicola .

 Ai piedi dei monti Alburni, precisamente a Postiglione, in provincia di Salerno, oggi è “Tenuta Macellaro se pure a piccoli passi negli anni l’azienda è cresciuta e i suoi terreni si estendono per cinque ettari a oliveto e oltre sei ettari sono vitati a Fiano, Falanghina, Aglianico, Aglianicone e Montepulciano.

Da pochi mesi hanno presentato sul mercato il loro primo vino “Ripaudo” blend al 70% Fiano e 30% Falanghina, guardando al futuro con altri due vini, un Aglianico in blend con il Montepulciano e l’Aglianicone in purezza.

Ciro Macellaro neo-enologo alla guida dell’azienda, la curiosità è sempre la stessa, come nasce la passione di un giovane per il mondo del vino?

Ciro Macellaro: “La mia passione per l’enologia nasce alle scuole superiori, quando frequentando l’ultimo anno dell’Istituto Tecnico Agrario di Eboli decisi di approfondire gli studi e improntare un lavoro sull’enologia cilentana, qui mi innamorai letteralmente del vino e della viticoltura, tutto era misteriosamente affascinante, quindi continuai gli studi alla Facoltà di viticoltura ed enologia.

 Nel frattempo il terreno dove oggi sorge la “Tenuta Macellaro” era nudo e utilizzato unicamente per produrre foraggio, ma nel 2010 misi in atto quello che negli anni a dietro era stato il bel sogno della mia famiglia, impiantai viti in quel terreno vocato alla viticoltura.

Un lavoro certosino portato avanti con la nostra salda filosofia, cioè qualità e solo con le nostre uve. Quest’anno siamo usciti con il nostro primo figlio il vino bianco “Ripaudo” e sinceramente ci siamo impegnati al massimo per affacciarci sul mercato con un prodotto meritevole di attenzione. I pareri favorevoli ci ripagano di ogni sforzo affrontato negli anni passati. Vi invito a degustarlo e poi mi direte.”    
Angela Merolla

www.tenutamacellaro.com


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Redazione

Club olio vino peperoncino editore ha messo on line il giornale quotidiano gestito interamente da giornalisti dell’enogastronomia. EGNEWS significa infatti enogastronomia news. La passione, la voglia di raccontare e di divertirsi ha spinto i giornalisti di varie testate a sposare anche questo progetto, con l’obiettivo di far conoscere la bella realtà italiana.

Articoli correlati

Back to top button