Punti di Vista

È la solita sporca politica anche se cambiano i modi

Al momento siamo tutti col cuor sospeso, a qualcuno batte verso di là a qualcuno di qua, con le dita incrociate, e dire che la pazienza dei cittadini italiani era già esaurita con i litigi di prima.

Quelli sembravano fratellastri che mal si sopportavano, costretti a condividere la sala da pranzo nel castello di zio Paperone per non perdere i trilioni dell’eredità da giocarsi a suon di favoritismi, questi invece nemmeno hanno un prozio in comune, forse qualche madre imparentata alla lontana, visto lo scarto generazionale.

Avevamo scritto, non poco tempo fa: la vedranno alle prossime urne quale “politica del cambiamento” desiderano gli Italiani. E, dopo il ribaltone di agosto, sembrava che il ricorso al voto sarebbe stato vicino. Eppure ancora qualcuno, anzi tanti, stando ai sondaggi, ci spera pur di azzerare la forzatura politica che disturba la digestione.

Le mostruosità di un’intesa, che non sarà più un contratto matrimoniale, è tutta una questione di sporca macchinazione di ragion di stato, una trama al di fuori del pensiero e del sentimento comune, e soprattutto di quello originario delle parti che cercano di condividere il gusto sulle pietanze del banchetto.

Intanto, restano fermi gli oltre 150 fascicoli di crisi aperti sul tavolo del Ministero del lavoro, sviluppo economico e politiche sociali, che interessano nel complesso oltre 200 mila lavoratori in tutta Italia, chi se ne occuperà? I lavoratori di Whirpool dello stabilimento napoletano se ne ricorderanno sicuramente al momento del voto, non appena verrà concesso. E come loro, tutti coloro che hanno subìto “ridimensionamenti” industriali.

Come andranno avanti i programmi in piedi nel settore agroalimentare a difesa delle nostre specialità che il Ministro Centinaio si era preso a carico con passione?

Sperare che qualcosa cambi in meglio, è indubbiamente l’auspicio di tutti, ma come cambieranno i modi?

Maura Sacher


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button