Rubriche

Dal container RoboNova 2.0 una sfida al degrado ambientale

Si può diagnosticare e risanare l’ambiente da un laboratorio mobile itinerante che rappresenta una risposta, tangibile e biotecnologica, alla necessità di salvaguardare il pianeta dal degrado nelle aree più critiche.

RoboNova 2.0 è il progetto messo a punto dalla DND Biotech di Pisa, creato da un team di giovani ingegneri ambientali, biologi, agronomi e tecnici.

Si tratta di una piattaforma tecnologica innovativa, che mira a garantire un biorisanamento sostenibile, in perfetta linea con i piani europei della Next Generation, del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente, nonché dello World Economic Forum.

Il progetto italiano si avvale di un laboratorio containerizzato, una versione mobile dell’impianto pilota originario, ossia di un automezzo che permette di intervenire nei contesti più disparati.
Attraverso la strumentazione al suo interno, gli operatori sono in grado di ottimizzare i programmi di bonifica o di recupero delle aree degradate.

Il container è equipaggiato secondo gli ambiti di applicazione specifici e secondo le necessità di risanamento.
È dotato di tutti gli apparati utili ad identificare e isolare i microrganismi responsabili della degradazione, definire la risposta del microbioma ai processi di decontaminazione, ingegnerizzare i processi di risanamento.
E, in ultima istanza, restituire il terreno pulito e fertile, migliorando la qualità e la quantità non solo delle colture ma anche della biodiversità.

Ha la prerogativa di operare in aree non facilmente raggiungibili, e può essere utilizzato anche via mare.

DND Biotech con lo sviluppo di C 2.0 è in linea con le indicazioni dell’UNEP (Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente) e con alcuni dei Sustainable Development Goals delle Nazioni Unite e rappresenta una risposta tangibile e biotecnologica alla impellente necessità di salvaguardia del pianeta.

Maura Sacher

 

 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button