Eccellenze d'Italia

Da BonTà di Cremona i produttori di Amatrice denunciano le imitazioni

A Il BonTà, Salone delle eccellenze enogastronomiche dei territori, in svolgimento a CremonaFiere dal 9 al 12 novembre 2019, i produttori di Amatrice si lamentano che molti prodotti si spacciano come “di Amatrice” e raccomandano di diffidare dalle imitazioni, da falsi marchi.

Il Salone dedicato ai sapori autentici e al cibo di alta qualità, giunto alla 16ma edizione, ha ampliato del 25% lo spazio espositivo, accogliendo prodotti che provengono da sedici regioni d’Italia, oltre ad alcuni espositori da Francia, Austria e Belgio, con 2.000 prodotti artigianali dei territori.

La manifestazione è l’occasione per scoprire alimenti insoliti e particolari o che meritano di essere tutelati, come i prodotti originali di Amatrice.

A Il BonTà i produttori di Amatrice hanno portato spaghetti all’Amatriciana, olive ascolane e arrosticini, oltre ai salumi e formaggi.

Afferma Valerio Calandrella, gestore del ristorante “Da Patrizia” di Amatrice: «Pecorino e guanciale sono la nostra nicchia, e ad Amatrice ci sono un unico salumificio e un unico caseificio, pertanto, due sono i marchi, il “Caseificio storico Amatrice” per i formaggi e il “Sano” per i salumi, oltre alla birra “Alta Quota”, che pure presentiamo in Fiera».
Eppure esistono ditte che nulla hanno a che fare con Amatrice e spacciano del formaggio come “pecorino di Amatrice”, senza alcuna etichetta.

A Il BonTà di Cremona, lo stand di Valerio Calandrella, con ristorante, si trova nell’Area del Gusto, insieme ad altri sette.

Sullo stand campeggia la scritta «A chi ha perso tutto e riparte da zero perché niente finisce quando vivi davvero».
E Calandrella spiega spiega « Facciamo da ambasciatori delle tipicità amatriciane: abbiamo creato un circuito informale di professionisti che promuovono i veri prodotti di Amatrice, provando a difenderci. Da dopo il terremoto tutti siamo stati pesantemente danneggiati, e siamo stati costretti a ripartire più con le nostre forze che con quelle dello Stato».

Maura Sacher


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco.
Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746

Articoli correlati

Back to top button