Tribuna

Come stressarsi per le Feste

Interrompo per qualche puntata la serie degli “esempi che spiccano” per entrare in sintonia con il clima delle Festività che ci accompagneranno fino all’Epifania, e partecipare assieme ad ognuno dei lettori ai “retroscena” degli eventi che ci hanno visto e ancora ci vedranno riuniti a tavola.

A quest’ora, nel giorno in cui la chiesa cattolica dedica a Santo Stefano protomartire, ossia il primo martire cristiano, opportunamente ricordato il dì successivo a quello che celebra la nascita di Gesù, già si sono concluse le ritualità delle Cene della Vigilia e del pranzo di Natale, chi in ristorante e chi in casa con la propria ristretta famiglia oppure con il parentado.
Le tradizioni famigliari sono molteplici, dipende da come ce le hanno impostate i nostri avi: tutti a casa dei nonni paterni, anche macinando chilometri di autostrada, meno frequentemente dai materni, giacché prevalgono le esigenze del figliolo di soddisfare le aspirazioni della propria “santa mamma” (che stranamente solo i maschi hanno …).

Le Feste Natalizie sono un vero stress, non solo per le corse ai regali da assegnare ad
ognuno secondo le sue necessità o aspettative (o piuttosto secondo il nostro gusto), non solo per la programmazione di un menù consono, ma soprattutto per l’impegno di scegliere chi invitare e forse anche l’incognita di chi all’ultimo momento non verrà, o si presenterà non invitato.

invitation

Tra una regione e l’altra, gli usi sono diversi: chi dà priorità simbolica alla Cena della
Vigilia (si mangia di magro, ossia pesce, spendendo capitali per impressionare i commensali) e chi dà supremazia al Pranzo del 25 dicembre (ove si mangia di tutto, con una serie impressionante di portate, e si termina praticamente all’ora di cena, per cui un’aggiunta di qualcosa altro è d’obbligo).
Ci sono famiglie che ossequiano entrambi i pasti, con stress raddoppiato.
Poi c’è la seconda festa, il 26 dicembre, ove tradizionalmente si invitano gli amici e si presentano gli avanzi, con tanto di elaborazione creativa nel riciclo.

ognibendidio

È scontato si arrivi stressati alle fatidiche date, odiando cordialmente famiglia, parenti, amici, gli squilli del telefono e la cicalina dei messaggini sul cellulare, nel cocente desiderio di cancellare questi giorni dal calendario per sempre.

Anche perché il ritrovarsi tra parenti non è sempre una gioia infinita, specie se ci si sente il cappio dell’obbligo, per l’occasione unica in tutto il resto dell’anno. L’inizio delle offensive solitamente avviene a fine pranzo. Può capitare che, disinibiti dal tasso alcolico delle buone bevute emergano rancori atavici, vengano rinvangate beghe di varia natura e non di rado discordie su divisioni ereditarie. Molto spesso, semplicemente, resuscitano invidie e infantili gelosie, specie tra fratelli e sorelle.
La sceneggiatura della commedia tragicomica di “Natale a casa Cupiello” né è una somma.

natale_in_casa_cupiello_04

E non per niente Agatha Christie scriveva “Natale è il giorno ideale per un omicidio”.

I dissapori nei giorni che dovrebbero essere i più sereni di tutto l’anno fanno parte della tradizione in molte case, ma per fortuna passano nel dimenticatoio, come le pentole e le stoviglie che alla fine si ripongono dopo aver impiegato ore a lavarle. Almeno sino al prossimo Natale.

Per fortuna a Capodanno siamo sciolti da vincoli e ci scegliamo liberamente dove e con chi stare, per il nostro piacere e in serenità. Auguri.

Sala Natalizia

donna Maura


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button