Come salvare il turismo dopo l’emergenza sanitaria

Come salvare il turismo dopo l’emergenza sanitaria

Print Friendly, PDF & Email

In questi momenti di forte impatto economico ed emotivo, dovuto all’emergenza sanitaria che vede chiuse tutte le attività ricettive, e chissà per quanto tempo queste ne subiranno i contraccolpi a stagione turistica alle porte, cominciano a farsi avanti dei “consiglieri” che mirano a sostenere psicologicamente le aziende e soprattutto ad impiegare questi tempi di inattività per ristrutturare la propria immagine.

Ne abbiamo scelto uno, Andrea Lisi, fondatore di Copy Persuasivo®, agenzia specializzata in copywriting persuasivo. Vengono elencate 5 «dritte per titolari di aziende che vogliono rinascere più forti».

Sintetizzo, per quanto possibile, il contenuto dei consigli, elaborando una versione adatta a questo giornale.

1. ANALISI E RESTYLING DEL SITO WEB
Il sito web è un biglietto da visita, il primo contatto con il potenziale cliente, il mezzo attraverso il quale lo si persuadere a scegliere la tua azienda. Come sono i dati dell’ultimo anno? Quante le visualizzazioni? In che percentuale queste visite si sono tradotte in prenotazioni? Come i clienti arrivano sul sito? È facile trovare le informazioni più importanti? Sono queste domande base indispensabili per valutare se il sito web è un valido strumento di marketing.
Una comunicazione persuasiva ben studiata aiuta a rendere più credibile un prodotto agli occhi di un potenziale cliente. È bene concentrarsi su questo mezzo di comunicazione, operando un restyling, rivedendo i testi in ottica SEO, studiando le keywords più strategiche.

2. STORYTELLING E PRESENZA SUI SOCIAL
È necessario continuare ad essere presenti sui social con una buona strategia di storytelling, così da mantenere attiva la propria community affinché gli utenti domani, a crisi finita, si ricordino di te.
Dai valore a ciò che hai fatto o alla storia della struttura e della città. Condividi aneddoti, racconta le storie del tuo team, invita chi è stato tuo ospite a condividere le foto di quella vacanza, cercando di produrre contenuti emozionali.

3. E-MAIL MARKETING
È cruciale mantenere i contatti, magari attraverso delle newsletter con cadenza periodica. Se stai facendo delle ristrutturazioni, racconta i vari interventi, anche invitando gli utenti a comunicarti cosa ne pensano e se ne vorrebbero di ulteriori o di diversi.

4. MATERIALI PROMOZIONALI STUDIATI PER OGNI TARGET
Chi vorresti che fossero i tuoi clienti, una volta finite le restrizioni e l’emergenza virus? Inizia a pensare come la tua struttura potrebbe rispondere alle loro necessità e ai loro desideri. Organizza queste idee mettendole per iscritto e parti da lì per redigere dei nuovi materiali informativi studiati appositamente per il target turistico che auspichi.

5. CONOSCENZE LINGUISTICHE
Approfittate, voi ed i vostri collaboratori o dipendenti, di questa inattività forzata per migliorare la conoscenza delle lingue straniere e, magari, impararne di nuove, che possano ritornare utili ad una futura clientela più ampia clientela.

PS: A questo link è scaricabile il “Piccolo Libro della Scrittura Persuasiva”, nel quale Andrea Lisi insegna le basi del copy persuasivo®: www.gumroad.com/l/audiolibroscritturapersuasiva

About The Author

Related posts