Punti di Vista

Colazione da Tiffany o dalla strega cattiva ?

Sembra proprio non arrestarsi il delirante declino dei cibi sofisticati e mistificati. A parte il piccolo particolare che in un momento di crisi come questo il consorzio internazionale dei pirati alimentari costa all’Italia cinquanta miliardi di Euro e centomila posti di lavoro;

 che messi sul piatto della bilancia del rilancio non sarebbero assolutamente da buttar via, per non parlare del danno d’immagine,ma sembra che ai nostri politici non interessino questi aspetti assai importanti per questa povera Italia.

Si aggiunga poi che le norme CEE in materia alimentare non sono affatto chiare, complete e rigide verso i masnadieri,per cui ogni settimana si scoprono nuove perle di malaffare.

Non cessano infatti i sequestri di carne avariata o non rispondente ai requisiti minimi richiesti, leggasi impasti di  poveri cavalli al posto di quelli bovini.

Arriva poi dalla Germania la bella notizia che in una grossa partita di insalata proveniente di Angri in provincia di Salerno sono stati trovati centinaia di granuli neri. Purtroppo non si trattava di pepe nero bensì di topicida.

Il produttore afferma di non saperne niente e adombra il sospetto di un complotto ma la bruttissima figura per tutta la nostra agricoltura resta. Una buona anzi ottima  notizia, finalmente, viene da Bologna, Città una volta temuta e rispettata datosi che era più estesa di Lutezia – Parigi e che i Francesi stessi battezzarono La Grassa.

Le Lasagne e i Tortellini prodotti da una azienda alimentare del bolognese appunto sono risultati alle dovute e richieste contro analisi  immuni da carne equina e le confezioni sono state reimmesse nel mercato,speriamo che seguano anche le dovute scuse.

Si fa presto, molto presto in Italia ad accusare e poi a dare molto meno risalto alle smentite e alle scuse. Ed ora una storia dai contorni ancora indefiniti e misteriosi.

In Val Sesia sono stati analizzati dei cinghiali abbattuti nel corso delle selezioni periodiche a partire dagli ultimi mesi del 2012 per arrivare fino al febbraio di quest’anno. Sono state riscontrate alte percentuali di CESIO 137e quindi gli animali sono potenzialmente radioattivi, chissà forse corrono molto veloci.

 Infatti il CESIO137 è un isotopo nucleare e il fatto che sia stato trovato nei cadaveri di questi suini selvatici in una percentuale di molto superiore alla soglia prevista e tollerata dal nostro organismo, e non se ne sa l’origine, non lascia tranquilli.

Mi sorge un dubbio: i cinghiali non saranno mica stati addotti dagli alieni e sottoposti ad esperimenti in quanto ritenuti dagli alieni stessi più intelligenti dell’uomo?

Ultima succosa notizia. In Germania, speriamo non diventi un vizio o una cattiva abitudine, sono state sequestrate confezioni di carne destinate ai consumatori islamici. Il motivo? Contengono suino anziché equino. Mi viene un’idea:non si potrebbero barattare con quelle che impropriamente sono composte da carne di cavalli seppure malaticci e vissero così tutti felici e contenti, e con la pancia piena?
Umberto Faedi


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Back to top button