Punti di Vista

Cibo sintetico? Col cavolo mi facciano mangiare hitech

Sul nostro cibo sono anni che ci prodighiamo a difenderlo, anche grazie alle iniziative della Coldiretti che mille volte hanno portato in piazza agricoltori e allevatori a protestare per far valere la qualità e specialità dei prodotti italiani.

Nel mondo ci invidiano, molte volte ci copiano e troppo spesso truffano i consumatori confondendoli con etichette e simboli del nostro Paese.

La nuova minaccia è rappresentata dal cibo “sintetico” o meglio «dalla carne prodotta da cellule staminali prelevate da un feto all’interno di un bioreattore, ma anche latte, pesce e miele potrebbero presto invadere le nostre tavole senza essere passati da stalle, mari e laghi o alveari», come denuncia il Presidente di Coldiretti.

Prodotti “finti”, di sintesi o sintetici, potrebbero presto, già dal 2023, inondare il mercato europeo sulla spinta delle multinazionali e dei colossi dell’hitech, stanti le prime richieste di autorizzazione all’immissione in commercio a livello Ue.
I nomi sono ben noti e Coldiretti li elenca.

Raccolta firme

Qualche settimana fa è scattata in tutto il territorio nazionale la raccolta firme promossa da Coldiretti unitamente a Campagna Amica, World Farmers Markets Coalition, World Farmers Organization, Farm Europe e Filiera Italia, «per fermare una pericolosa deriva che mette a rischio il futuro dei nostri allevamenti e dell’intera filiera del cibo Made in Italy».

Oltre ai semplici cittadini, hanno firmato ministri, parlamentari, rappresentanti di Regioni e Province, Sindaci, personalità della cultura, dello sport e dello spettacolo, imprenditori.

E non sono mancati sacerdoti e Vescovi, in occasione della 72esima Giornata del Ringraziamento della Chiesa Cattolica, che (guarda caso) verteva sul tema: “Coltiveranno giardini e ne mangeranno il frutto (Am 9,14). Custodia del creato, legalità, agromafie”.

Le firme verranno presentate al Ministro all’Agricoltura e alla Sovranità Alimentare per sollecitare il Governo a «promuovere una legge che vieti la produzione, l’uso e la commercializzazione del cibo sintetico in Italia, dalla carne prodotta in laboratorio al latte “senza mucche” fino al pesce senza mari, laghi e fiumi».

Obbrobrio e dis-gusto

Cibo prodotto in laboratorio¬, al latte e formaggi senza mucche, pesce senza mari, e magari e magari le uova senza galline, il miele senza le api: stiamo scherzando?

Il solo pensiero di essere costretta a mangiare questa roba coltivata in vitro mi fa venire la nausea, piuttosto preferisco la fame, patate e carote ogni giorno … se le lasceranno coltivare nella terra.

Sono sicura di essere in buona compagnia.
La forte opposizione degli italiani ai cibi artificiali è registrata anche dal Censis secondo cui l’84% degli italiani, di ogni età e ceto sociale, si dichiara contrario all’idea che cibi prodotti in laboratorio possano sostituire quelli coltivati in agricoltura.

L’agricoltura deve tornare al centro della nostra economia e non dipendere dalle lobby internazionali del cibo in provetta.
E non per niente in questa nuova legislatura al nome di due Ministeri sono state aggiunte le parole della “sovranità alimentare” e “del Made in Italy”.

Che c’è da stupirsi? Che c’è da “sfrucugliare” sopra? Macron può usare la parola “sovranità” per tre dei suoi Ministeri e noi no? La UE gli ha detto qualcosa?

Insomma, come non arretriamo davanti alle perfide pensate UE del Nutriscore, di lettere e colori per inebetire sulle qualità nutrizionali del nostro cibo, della attribuzione di una pericolosità cancerogena al nostro vino e al nostro vero Parmigiano Reggiano (mentre le Chips vengono promosse), e come non ci scomodiamo se crudisti e vegani vogliono nutrirsi solo di verdure basta che ci lascino in pace a tavola, e come non ci inorridiremo più di tanto quando verranno immessi nel mercato vermi, scarafaggi, grilli e vespe caramellati, fritti o trasformati in farina, basta che se li mangino nelle mense del Parlamento europeo.

Anche se ancora non riesco a capire perché nei supermercati rionali mi tocca vedere (e non comperare) porro della Germania, bulbi di sedano olandesi, asparagi bianchi del Cile, pomodori del Marocco, e non mi ricordo cosa altro del Sud Africa e così via.
I prodotti italiani vanno all’estero e almeno di questo sono contenta.

Maura Sacher

 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button