Notizie Italiane

Cibi sani, alimentazione sana, un fronte europeo per la trasparenza delle etichettature

Al Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’Alimentazione 2018 di Cernobbio, presente il Commissario Europeo alla Salute Vytenis Andriukaitis, è stata illustrata la petizione europea “Eat original! Unmask your food” (“Mangia originale, smaschera il tuo cibo”) per chiedere alla Commissione di Bruxelles di agire sul fronte della trasparenza e dell’informazione al consumatore sulla provenienza di quello che mangia.

L’iniziativa, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea il 28 settembre 2018, gode del sostegno di numerose organizzazioni e sindacati di rappresentanza: oltre Coldiretti e Slow Food, dalla Fnsea (sindacato agricolo francese) alla Ocu (associazione di consumatori spagnola), da Solidarnosc (storico sindacato polacco) alla Upa (l’Unione dei piccoli agricoltori in Spagna), alla Fondazione Univerde a Gaia (associazione degli agricoltori greci), con la raccolta di un milione di firme.
Alla petizione hanno già aderito i Vicepremier Matteo Salvini e Luigi di Maio e Gian Marco Centinaio, Ministro delle Politiche Agricole e del Turismo.

Il fronte europeo per la trasparenza in etichetta ha l’obiettivo è dare a tutti i Paesi dell’Unione la possibilità di estendere l’obbligo di indicare l’origine in etichetta a tutti gli alimenti dopo che l’Italia, affiancata da Francia, Portogallo, Grecia, Finlandia, Lituania, Romania e Spagna, ha già adottato decreti nazionali per disciplinarlo in alcuni prodotti come latte e derivati, grano nella pasta e riso.

La richiesta, oltre a soddisfare le ripetute sollecitazioni italiane, incontra l’orientamento dei cittadini della UE affinché vengano imposte per legge le dichiarazioni di origine per tutti i prodotti alimentari al fine di prevenire le frodi, proteggere la salute pubblica e garantire il diritto all’informazione dei consumatori, specie per tutti gli alimenti trasformati e non trasformati in circolazione nell’UE.
La petizione chiede di migliorare la coerenza delle etichette, inserendo informazioni comuni circa la produzione e i metodi di trasformazione, al fine di garantire la trasparenza in tutta la catena alimentare.

Un obiettivo condiviso dalla maggioranza dei consumatori europei e dall’82% degli italiani, che ritiene porre fine all’atteggiamento contradditorio dell’Unione Europea sull’origine del cibo, al fine di contrastare il fenomeno dei falsi e dei tarocchi, che solo all’Italia costa oltre 100 miliardi di euro all’anno.

Il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo ha sottolineato che oltre quattro italiani su dieci (42%) sono disponibili a pagare oltre il 10% in più pur di avere garantita l’origine Made in Italy del prodotto che mettono a tavola e ritengono imprescindibile la trasparenza delle etichettature.

Maura Sacher


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button