Vini e Ristorazione

“Chi comanda in cantina è settembre”

L’estate 2014 è agli ultimi battiti di ali, la bella stagione per eccellenza non si ricordava da decenni tanto funesta. E’ stato un susseguirsi di giorni di pioggia e grandine, di temperature al di sotto della media, e mentre ha rovinato le vacanze a chi è andato al mare o in montagna, ha arrecato danni ben più gravi agli agricoltori italiani, ogni coltura ha patito dell’instabilità metereologica riportando danni irreversibili.

 

In vigna Peronospora e Oidio hanno fatto razzie, si è arrivati prossimi alla vendemmia tra ansie infinite, e se pure la 2014 sarà un’annata dalle quantità ridotte, si spera almeno che possa tenere in qualità.


Sulle strade del vino, di azienda in azienda mi viene istintivo allungare lo sguardo ai vigneti sperando di trovarli salubri, il più delle volte sono interi filari a mostrare le scudisciate delle muffe, stavolta con grande stupore trovo i vigneti in zona Arianiello, quelli appartenenti alla cantina Colli di Lapio di Clelia Romano, in perfetto stato vegetativo e produttivo.


L’ottimale esposizione, la presenza assidua in vigna e la consolidata esperienza che dal nonno Pasquale Romano è passata alla figlia e poi ai nipoti Carmela e Federico, hanno reso possibile gestire con saggia professionalità artigiana un’azienda che quest’anno compie 20 anni.


Settembre è arrivato, lasciandosi alle spalle questi discutibili mesi estivi, e dalla saggezza di nonno Pasquale: “Chi comanda in cantina è settembre”, questo è un mese determinante, che può consolidare un percorso o danneggiarlo. Con Clelia e Carmela, ottime padrone di casa ammirevolmente semplici e ospitali, facciamo un lunga e piacevole chiacchierata, mi arricchisco del loro pensiero di produzione ereditato da Pasquale Romano, e poi pienamente condiviso considerati i risultati in termini di qualità.


Il Fiano di Avellino Docg Colli di Lapio nasce dalle sole uve dei loro terreni, i vari appezzamenti concorrono insieme per un unico vino e dalla padronanza delle tecniche in vigna si vanno a vinificare uve in purezza e solo in acciaio. Il vino Fiano di Clelia Romano è l’espressione della tipicità enologica irpina, i peculiari sentori si arricchiscono in crescendo di anno in anno, su una struttura di pregio, equilibrata e armonica, un dono della natura in terra di Lapio. Angela Merolla

www.collidilapio.it


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Redazione

Club olio vino peperoncino editore ha messo on line il giornale quotidiano gestito interamente da giornalisti dell’enogastronomia. EGNEWS significa infatti enogastronomia news. La passione, la voglia di raccontare e di divertirsi ha spinto i giornalisti di varie testate a sposare anche questo progetto, con l’obiettivo di far conoscere la bella realtà italiana.

Articoli correlati

Back to top button