Tribuna

Cesac: buone notizie per l’agricoltura emiliano-romagnola

Sono positivi i dati del bilancio 2015, approvati dall’assemblea dei consociati al Centro Economico Servizi Agricoli, cooperativa aderente a Confcooperative e ad Apo Conerpo con sede a Conselice (Ravenna) e stabilimenti ad Argenta, Comune di Ferrara, e in provincia di Bologna.

Cesac, nove stabilimenti tra Ferrara e Bologna, con un rafforzamento che si è attestato a 1.300 soci, 242 addetti, una produzione di 119 mila tonnellate tra cereali ed orticole (di cui 18.000 di patate e 17.000 di cipolle), è presente sulla Grande Distribuzione con prodotti per il consumo del fresco: la patata Dop di Bologna e Selenella, come la cipolla a marchio “cipolla di Medicina”. Andraghetti Stefano CESAC
Il territorio in cui opera Cesac è caratterizzato specialmente dalle produzioni di grano duro di alta qualità commercializzato alle migliori aziende di produzione di pasta italiane. Cesac da oltre 15 anni ha ottenuto Certificazioni di Processo Produttivo ISO9001.

Il settore degli alimenti zootecnici è unicamente con prodotti No Ogm e certificati per la qualità secondo il disciplinare ISO 9001:2008.

L’offerta del Cesac comprende anche 6.800 tonnellate di uva. La cantina sociale, componente storica della cooperativa, che ha origine negli anni ’60, vinifica le uve locali conferite dai propri soci prevalentemente vitigni a bacca bianca, e sono circa 70.000 quintali nell’ultima vendemmia.

Secondo la relazione, il patrimonio netto del Cesac ha superato i 3,8 milioni di euro e il fatturato si colloca sui 57,5 milioni di euro.

Una soddisfazione per l’agricoltura emiliano-romagnola, e una garanzia per i consumatori, a fonte di svariati motivi come la difficile congiuntura economica, che fa sentire i suoi effetti anche nei campi, e l’andamento climatico che continua a riservare eventi imprevedibili a tutto il comparto agricolo.

Maura Sacher


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button