Punti di Vista

Cercare lavoro o non cercare lavoro è il dilemma di molti cittadini italiani

È sotto gli occhi di tutti gli obiettivi osservatori del mercato di lavoro che da parte dei giovani, specie maschi, è sempre più evidente la loro disaffezione a rendersi disponibili a farsi assumere in attività lavorative, ove impiegarsi implica sottoporsi a rigide e inflessibili regole contrattuali.

Secondo le elaborazioni dell’Ufficio Studi della FIPE, tra giugno e agosto 2018, ossia in piena stagione turistica, rispetto al fabbisogno del settore vi sarebbe stata una carenza di circa 50mila unità tra cuochi, camerieri e baristi, mettendo in crisi i gestori che dichiaravano di doversi sobbarcare di persona diverse incombenze per fronteggiare la carenza di personale.
Altre lamentele arrivano da altri settori economici, dall’edilizia all’industria elettromeccanica, alla imprenditoria agricola, tutti a raccontare ai microfoni dei giornalisti che, pur volendo assumere del personale, devono arrendersi di fronte alla rinuncia dei giovani selezionati davanti alle regole che impone il lavoro: orari, fatica, responsabilità.

Ma che vogliono di meglio questi giovani? Aspettano il “reddito di cittadinanza”, ossia il sussidio statale? Pensano di averne diritto?

Non è colpa dell’inadeguatezza di qualificati profili professionali, anzi, oggigiorno l’offerta di lavoro non corrisponde al livello del titolo di studio, la gran parte dei giovani sono troppo “studiati” e si aspettano un impiego allineato al loro curriculum studi”.
Parliamoci chiaro l’Italia è davvero divisa in due: un Nord di imprenditori che non trovano lavoratori e un Sud di laureati che non trovano un impiego. È più che mai necessario far incontrare domanda e offerta, ma le sgangherate dichiarazioni dei membri del Governo non fanno altro che alimentare illusioni, contraddicendosi a vicenda. E soprattutto rimandando le notizie sicure alle “limature” che sono allo studio del Governo, delle Commissioni, e saranno apportate dal Parlamento.

Si annunciano svariate serie di paletti come ad esempio: i corsi di formazione e il limite di 3 proposte di lavoro, che se non accettate faranno decadere il reddito di cittadinanza.

Beh, pare a molti che tutto si ridurrà ad un bluff, una grande bolla d’aria, in cui cadranno un bel po’ di cittadini italiani, tranne i “furbetti” che già ampiamente hanno dichiarato ai microfoni di intervistatori come gestirebbero questo dono governativo di marchio pentastellato.

Maura Sacher


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button