Agenda

C’è Fermento compie dieci anni

Il salone delle birre artigianali «C’è Fermento» compie dieci anni e festeggia a Saluzzo dal 20 al 23 giugno 2019 con quattro giorni di ricco programma.

Curato dalla Fondazione Amleto Bertoni, in collaborazione con Città di Saluzzo e Condotta Slow Food del Marchesato di Saluzzo, il Salone delle birre artigianali «C’è Fermento» si conferma uno degli appuntamenti più attesi e importanti del settore, un punto di riferimento per birrai, intenditori e amanti della birra. Gli organizzatori confidano di superare gli oltre 20.000 ingressi dello scorso anno, anche grazie ad un programma dedicato ad un ampio pubblico, inclusa un’area d’intrattenimento per i bambini.

Nel cortile della ex Caserma Musso di piazza Montebello, a Saluzzo, in un unico grande spazio, si potranno scoprire le migliori birre artigianali del territorio e nazionali ed incontrare i Mastri birrai che ne sveleranno segreti e curiosità sulla lavorazione, la produzione e gli abbinamenti, non scontati.

Al decennale di «C’è Fermento» sono attesi come ospiti speciali tre Mastri Birrai provenienti dal Belgio, Inghilterra e Germania, i quali si affiancheranno ai diciotto birrifici italiani selezionati dalla Guida alle Birre d’Italia Slow Food e da un Comitato scientifico formato da Luca Giaccone e Francesco Nota.

Oltre 120 le birre alla spina presenti, e ben 12 cucine di strada, valutate dalla Condotta del Marchesato di Saluzzo Slow Food, per offrire al pubblico un percorso di tutto gusto tra le cucine di nord e sud d’Italia.

Accanto a percorsi tematici e ai momenti di approfondimento organizzati da Union Birrai rivolti sia agli intenditori sia a semplici appassionati e curiosi, «C’è Fermento» propone un calendario di appuntamenti collaterali, musica diffusa e dal vivo, laboratori e visite sul territorio che coinvolgono un pubblico molto eterogeneo, per luogo di provenienza ed età.

Resta invariato l’ingresso gratuito al Salone e la formula di acquisto, esclusivamente tramite gettoni del valore di 2 euro l’uno, delle degustazioni di cibo e birra negli stand, che avviene attraverso il bicchiere di vetro griffato «C’è Fermento», da poter poi portare a casa come ricordo dell’esperienza.

Maura Sacher


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Guarda anche
Close
Back to top button