Notizie Italiane

Bruciare le stoppie è reato?

Da millenni i contadini bruciano stoppie, foglie morte, gli scarti di potature, sfalci, ramaglie, e in determinati periodi dell’anno i falò erano occasione di festa, con i bambini a girarci intorno, saltellando e cantando, e gli uomini a bere e mangiare. Ora si viene a scoprire che tutta la popolazione agricola ha corso un grave pericolo per la sua salute.

Ricercatori, analisti, ambientalisti, affermano che la combustione “incontrollata” dei residui vegetali scarica nell’aria e fa depositare sui terreni diossine, benzene, monossido di carbonio, polveri sottili, in quantità preoccupanti. Se nel rogo finiscono materiali plastici o altri rifiuti, si possono produrre polveri cancerogene. In pratica, “i fuochi nei campi non sono che inceneritori a cielo aperto”!

I Regolamenti comunali già disciplinano sia le modalità di eliminazione dei rifiuti agricoli e forestali, inclusi quelli delle aree verdi urbane, anche private, sia i periodi e gli orari di accensione dei fuochi nelle campagne. Il Corpo della Guardia Forestale vigila attentamente contro i fuochi “pericolosi” e “incontrollati”.

Tuttavia, forse non tutti sanno che una Direttiva Europea del 2008 stabilisce che “la combustione sul campo dei residui vegetali derivanti da lavorazione agricola e forestale si configura come illecito smaltimento di rifiuti, sanzionabile penalmente con l’arresto”.

L’Italia nel 2010 si è adeguata alla previsione sanzionatoria CE, modificando un precedente dispositivo, del 2006, altresì stabilendo che paglia, sfalci e potature, nonché altri materiali agricoli o forestali naturali non pericolosi, se non utilizzati in agricoltura, nella selvicoltura o per la produzione di energia mediante processi o metodi che non danneggiano l’ambiente o mettono in pericolo la salute umana, devono essere considerati rifiuti e come tali trattati.

Da pochi giorni è in vigore la Legge sulle emergenze ambientali, la cosiddetta “Terra dei fuochi Campania – Ilva di Taranto”. L’articolo 3 precisa: «chiunque appicca il fuoco a rifiuti abbandonati ovvero depositati in maniera incontrollata è punito con la reclusione da due a cinque anni. Nel caso  in  cui  sia appiccato il fuoco a rifiuti pericolosi, si  applica  la  pena  della reclusione da tre a  sei  anni».

Dunque, si parla di rifiuti ‘abbandonati’ ovvero depositati in maniera ‘incontrollata’ e tutti, non solo i contadini, si sono allarmati: possono essere considerati “abbandonati” i cumuli di sterpaglia accatastati la mattina per essere bruciati la sera? Si deve farci la guardia a turno?

E dire che nel settore agricolo si era tirato un gran sospiro di sollievo, quando nel disegno di legge collegato alla legge di stabilità in materia ambientale e green economy, approvato dal Consiglio dei Ministri il 15 novembre 2013, si lesse che, “fatte salve le norme sulla condizionalità previste nell’ambito della Pac”, i Comuni potevano continuare a regolamentare la materia con propria ordinanza, tenuto conto delle specifiche peculiarità del territorio.

Confagricoltura del FVG si è attivata a chiedere che, nel collegato ambientale alla Legge di Stabilità, l’attività di combustione controllata dei materiali vegetali di risulta sia esplicitamente esclusa dal reato introdotto e dalla conseguente sanzione penale, e sollecita Regione ad intervenire, «per evitare interpretazioni della norma a macchia di leopardo le quali, oltre a danneggiare direttamente gli imprenditori agricoli, creano complicazioni inutili e problemi applicativi ai singoli Comuni».  

Stante l’ambiguità della formulazione dei testi, c’è da chiedersi se siano leciti i barbecue all’aperto utilizzando la vegetazione del proprio giardino, o si rischia una denuncia da parte del vicino a cui arriva il fastidioso fumo … o se, al limite, si deve invitare la guardia forestale a presenziare con un estintore e prima di tutto a controllare che la qualità del legno non sia di quelli “pericolosi”.

Maura Sacher


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button