Notizie Italiane

Artimino e Villa La Ferdinanda

Ormai la villa di Artimino, all’meno all’esterno, mi è familiare. Incontri, feste, eventi  pubblici e privati ma sempre glamour la vedono ormai una delle più richieste della Toscan.  Diventata Patrimonio Unesco dell’Umanità nel 2013, la Villa medicea La Ferdinanda sorge imponente su un colle e gode di un meraviglioso panorama sulle colline di Carmignano a pochi passi dal suggestivo borgo di Artimino.

imagesDetta anche la Villa dei cento camini per i tanti comignoli che svettano sul tetto la villa è sontuosa ed elegante con un meraviglioso e soffice prato che si apre sul davanti. Era una residenza di caccia della fiorentina famiglia Medici e fu commissionata dal Granduca Ferdinando I de’ Medici all’architetto Bernado Buontalenti.
La data di inizio lavori risale al 1596 quando il Buontalenti era ormai nel pieno della maturità e perciò la villa risente e racchiude la summa stilistica delle altre ville medicee presenti in Toscana.
Un corpo solido centrale con due lunghe facciate simmetriche e quattro bastioni; sulla facciata principale si apre uno scalone aggiunto nel 1930 che arriva alla loggetta al piano nobile rifatta su disegno originale del Buontalenti (prima era presente uno scalone unico).
Una mole geometricamente perfetta e ben inserita nell’ambiente circostante, che domina  un panorama di coltivazioni di vite e una parte di qui boschi in cui il Granduca amava cacciare.
Qui fu creato il Barco reale, una enorme bandita recintata da un alto muro per circa 50 km che aveva come punto di riferimento e baricentro, proprio la villa di Artimino. La villa, abitata dalla corte, soprattutto in estate per la sua comoda posizione vicina a Firenze, Prato, Pisa era riccamente decorata  e arredata. Purtroppo nei vari passaggi di proprietà molto è andato perduto mentre molti dei dipinti maggiori sono stati spostati nei musei fiorentini (la villa ospitò celebri opere di Pontormo, Bronzino e addirittura Tiziano e Caravaggio)Artimino wine e oil  near Florence R.Capanni
Alcune curiosità: nel 1608 Galileo Galilei venne invitato da Ferdinando I per istruire ‘nelle matematiche’ il figlio Cosimo;al piano terra si trova l’antica cucina col celebre girarrosto disegnato da Leonardo da Vinci.
Si trova solo a Villa La Ferdinanda il Boudoir di Cristina di Lorena, un unicum, un angolo d’arte affrescato dal Passignano e rimasto intatto per 600 anni; gli affreschi interni dei saloni del piano Nobile sono opera di Domenico Passignano e Bernardino Poccetti.

DSC_1375Sulla destra della grande villa c’è un edificio interessante, oggi trasformato in albergo,  “la paggeria”, vicino agli scavi archeologici che attestano la presenza etrusca in questa zona. L’edificio è caratterizzato da un portico ad archi ribassati al piano terra e da un loggiato architravato al piano primo, che è attribuito allo stesso Buontalenti. Bello ed interessante anche il ristornate “Biagio Pignatta” il locale, che deve il suo nome al primo maggiordomo di Ferdinando de’ Medici, Michela Bottasso, la chef, propone piatti semplici ma di grande raffinatezza. Negli 80 ettari della tenuta si produce l’ottimo Carmignano DOCG di Artimino  insieme ad altre eccellenti etichette e all’olio di grande qualità.

Roberta Capanni


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Sonia Biasin

Giornalista pubblicista, diploma di sommelier con didattica Ais e 2 livello WSET. Una grande passione per il territorio, il vino e le sue tradizioni.

Articoli correlati

Back to top button