Vini e Ristorazione

Apprezzamento “mondiale” per i vini Vicchiomaggio

James Suckling, il più famoso critico di vino del mondo ha invitato un piccolo gruppo di produttori toscani a presentare il meglio della loro produzione vinicola a New York. Tra le selezionate, sono state premiate con 92 punti tre importanti bottiglie del Castello Vicchiomaggio, storica tenuta nel cuore del Chianti, ora in mano a John e Paola Matta: la Ripa delle More 2010, la Vigna La Prima 2010 e il FSM 2009.

Il 2010 è stato un anno importante per il “Ripa delle More”, avendo festeggiato il 30° anniversario, con una etichetta riveduta ed una versione magnum a tiratura limitata. Questo magnifico vino, assemblaggio di 50% Sangiovese, 30% Cabernet e 20% Merlot, viene descritto da Suckling come «Un vino con stile, profumi di frutti di bosco e sentori di spezie fresche. Corposo, con tannini vellutati e morbidi».

Il 2010 è basilare anche per la “Vigna La Prima”, che in quell’anno ha assunto tale nome qualificandosi per la nuova categoria di Chianti Classico Riserva “Gran Selezione”. 100% Sangiovese, è un vino che richiede un lungo e complesso processo di invecchiamento che gli assicura uno stile unico e una corposità piena ed elegante.

Lo specialissimo “FSM”, che nel 2014 festeggia i 10 anni della vigna, è 100% Merlot, 3 bicchieri Gambero Rosso 2012. Le iniziali corrispondono al nome del padre di John, Federico Secondo Matta, nato nell’Astigiano ed emigrato a Londra dove nel 1921 aprì una ditta di importazione di vini, facendo conoscere in Gran Bretagna i prodotti italiani e altri brand allora totalmente sconosciuti.
È un vino ottenuto da uve Merlot lavorate in purezza e coltivate in vigne ad altissima densità (5.000 le viti per ettaro), voluto e immaginato nuova punta di diamante aziendale già nel progetto che lo ha visto nascere. Dalla potatura severissima deriva un raccolto di appena 25q di uva per ettaro, pari a circa 18 ettolitri di vino. I sapori iniziali sono di tannini intensi ma dolci, mentre la buona acidità conferma il considerevole potenziale di maturazione. La commercializzazione avviene quando ha almeno 3 anni, e le sue caratteristiche vengono esaltate da un ulteriore periodo di affinamento in bottiglia.

La famiglia Matta è proprietaria anche, dal 2001, di Villa Vallemaggiore, in provincia di Grosseto nella zona di produzione del Morellino di Scansano, in terreno sabbioso e a pochi chilometri dal mare da cui le uve ricevono tutti i benefici.

Piccola nota di colore: il Castello, nella sua strategica posizione collinare, dominante tutta la Val di Greve, fu edificato intorno al 1400 ed era circondato da vigne, tanto che sembra attestato che proprio qui Francesco Redi compose i versi del ditirambo “Bacco in Toscana” (1685).

Maura Sacher


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button