Notizie Italiane

Anteprima Amarone 2009: un’evoluzione positiva e di successo

Con il titolo “Amarone 2009: la storia di un vino successo” è iniziata ieri la kermesse di due giorni che celebra il Grande Rosso, patrimonio del territorio veneto e portabandiera del made in Italy nel mondo. Un vino che ogni anno che passa, riscuote sempre più successo, soprattutto all’estero nel nord America e nel nord Europa, primi fa tutti paesi come la Germania e la Svizzera e la Scandinavia. E con mercati emergenti ed in crescita come Russia, Cina e altri paesi dell’Estremo Oriente. Infatti l’80% delle vendite è rivolta all’esportazione.

Nella suggestiva cornice del Palazzo della Gran Guardia di Verona, si sono riunite una sesssantina di aziende che hanno proposto la loro produzione 2009 e, dato che quest anno ricorre anche il decennale della manifestazione, hanno potuto presentare anche altri vini agli appassionati di questo prodotto. Alle 11 si è svolta la tavola rotonda moderata da Davide Paolini, giornalista e gastronauta di Radio 24, che ha visto la presenza di Daniele Accordini, vicepresidente del Consorzio Tutela Vini Valpolicella, Christian Marchesini, presidente del Consorzio Tutela Vini Valpolicella, Alessandro Bianchi, preseidente della Camera di Commercio di Verona e Giovanni Mantovani, direttore di Veronafiere. A turno i quattro hanno presentato al numeroso pubblico in platea composto da giornalisti, wine blogger, anche stranieri, addetti del settore  e produttori, l’annata 2009 dell’Amarone. Annata che, per le condizioni climatiche e ambientali, è risultata essere ottima e addirittura con delle punte di eccellenza. Tra gli Amaroni che abbiamo assaggiato alla cena di gala e alla degustazione a cui abbiamo partecipato il  giorno seguente, si sono rivelati molto interessanti e degni di nota quello dell’azienda Santa Sofia di San Pietro in Cariano, una delle cantine più longeve della zona, risale infatti al 1811, con un prodotto che risulta corposo, elegante e di ottima bevilità. Altre cantine che ci hanno sorpreso positivamente sono: Corte Sant’Alda, un’azienda familiare che produce un vino “regale”, Roccolo Grassi, una realtà giovane con un ottimo prodotto, entrambe di Mezzane di Sotto. E poi Ca’ Rugate di Montecchia di Crosara e Guerrieri Rizzardi, due realtà diverse una dall’altra: la prima piccola e familiare, l’altra una delle cantine storiche del territorio, ma che hanno reralizzato due prodotti accattivanti e che hanno catturato il nostro palato per l’ottimo equilibrio, i profumi, la corposità e l’ottima beva. Concluderei affermando che il denominatore comune dell’Amarone 2009 è quello di avere ottime prospettive di invecchiamento, anche di una ventina d’anni. Insomma in generale grandi soddisfazioni per quest’annata che richiama ogni anno migliaia di appassionati.

Isabella Radaelli


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button