Curiosità

Anche gli Italiani ordinano piatti di pasta a domicilio

Nel giorno dedicato alla pasta, il “World Pasta Day”, il 25 ottobre, da 19 anni, promossa su iniziativa dell’International Pasta Organization (Ipo), è stata divulgata una notizia che lascia alquanto stupiti: gli Italiani ordinano piatti pronti di pasta a domicilio.

Just Eat Italia, con sede madre a Londra, leader nel mercato dei servizi per pranzo e cena a domicilio, presente in Italia dal 2011 con più di 6.700 ristoranti affiliati in oltre 600 comuni, pubblica i primi dati emersi da un’analisi delle preferenze tra oltre 14.000 utenti in 13 città italiane, coperte dal servizio .

Sintetizziamo quanto emerge dall’indagine. Dei 15.000 kg ordinati domicilio in un anno in Italia, 3.400 kg ossia il 22% proviene da Bologna che risulta essere la città in cui si mangia più pasta e dove la preferenza va alle tagliatelle al ragù. Nella lista seguono Roma, Milano e Torino che ordinano preferibilmente lasagne e tagliatelle al ragù, ma anche penne all’arrabbiata e tortellini alla panna, per finire con le orecchiette al ragù a Bari.
La richiesta di pasta a domicilio è cresciuta rispetto al 2016 (+70% dato nazionale), in particolare a Catania (+121%), Verona (+110%) e Napoli (+105%), seguite da Genova (+93%) e da Torino (71%).
Una comodità anche favorita dalla diffusione, negli ultimi anni, di esercizi di ristorazione, con scarsi posti in sala, che puntano tutto proprio sulle consegne a domicilio.

Se è comprensibile che in Italia la lasagna sia il piatto di pasta più ordinato a livello nazionale, seguita dalla carbonara e, a distanza, dalle tagliatelle al ragù, fa meraviglia che Bologna sia la città che ordina più pasta pronta, e soprattutto le tagliatelle al ragù, pietanza della tradizione casalinga.

Se ci è concesso fare un commento, non avendo i mezzi per raggiungere il testo completo dell’indagine, sarebbe interessante sapere quali sono le fasce di età e le categorie professionali dei fruitori del servizio di piati di pasta a domicilio. Non riusciamo a capacitarci come mai una così grande percentuale di Bolognesi ordini a domicilio piatti pronti di lasagne e tagliatelle al ragù. Forse incide la variegata popolazione universitaria della città felsinea?

Maura Sacher


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button