Agenda

Amatriciana Day a Firenze

Amatriciana Day al Forte Belvedere. Firenze e i più rinomati chef fiorentini e toscani ma anche tanti giornalisti e aziende del territorio hanno risposto in coro all’’appuntamento, fissato per martedì 6 settembre dalle ore 20 sulla terrazza del Forte Belvedere per raccogliere fondi a favore delle popolazione colpite dal sisma che ha devastato l’Italia centrale.

Il programma della serata prevede una cena a buffet aperta al pubblico, con una quota di partecipazione di 20 euro che sarà interamente devoluta alla Croce Rossa Italiana, rappresentata per l’occasione dal presidente fiorentino Lorenzo Andreoni.

Insieme alla pasta all’amatriciana, però, i partecipanti potranno assaggiare anche i piatti “signature” di una dozzina di importanti chef del panorama fiorentino e toscano: si tratta – in ordine rigorosamente alfabetico – di Gabriele Andreoni (Santo Graal), Fabio Bianconi (‘321), Simone Cipriani (L’Essenziale), Deborah Corsi (La Perla del Mare), Stefano Frassineti (Toscani da Sempre), Paolo Gori (Da Burde), Vito Mollica (Il Palagio), Entiana Osmenzeza (Gurdulù), Maria Probst (La Tenda Rossa), Filippo Saporito (La Leggenda dei frati), Beatrice Segoni (Konnubio), Marco Stabile (L’Ora d’Aria) e Giorgio Trovato (Siena). A questi si aggiunge, direttamente dal Friuli, lo chef Federico Mariutti (Osteria Turlonia, Fiume Veneto – Pn).

l’Amatriciana Day è un’idea partita dal web in poche ore ha raccolto molte adesioni: chef, giornalisti, fotografi, produttori di vino, professionisti e cittadini interessati a partecipare, anche solo come volontari. Ma la cosa importante – spiega Marco Gemelli, il ‘Forchettiere’, è che i fiorentini e non solo,  il 6 settembre salgano al Forte Belvedere per dare un forte segnale di vicinanza alle vittime del sisma”.forte belvedere

Parallelamente al ricavato dell’iniziativa, grazie all’appoggio di Fipe Confcommercio e Fiepet Confesercenti al presidente della CRI fiorentina verrà anche consegnato un maxi-assegno simbolico, d’importo pari alla cifra raccolta fino a quel giorno dai ristoranti fiorentini aderenti all’iniziativa nazionale di solidarietà che prevede di devolvere almeno 2 euro per ogni piatto di pasta all’amatriciana servito nei singoli locali.

Il tutto è reso possibile dal Comune di Firenze che ospita l’iniziativa nella struttura museale Forte di Belvedere,  dal Bar del Forte con la società Rear che fornirà il sevizio di guardiania e sorveglianza e ai fornitori di prodotti: la pasta all’amatriciana è stata messa a disposizione dal catering ‘Guido Guidi’, Lorenzo Vulashi, il “fornaio-eroe” noto per precedenti iniziative di solidarietà che preparerà schiacciate e cantucci,  L’acqua Fonte dei Medici e le bollicine Tenuta del Buonamico  fornite da Doreca ,  il vino è offerto dalla Tenuta di Moriano e dalla Famiglia Cecchi. E per ben finire il gelato fornito dalle gelaterie Badiani, Caminia e Vivoli,  e lo stupendo caffè  offerto dalla torrefazione Mokarico.

Roberta Capanni


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Sonia Biasin

Giornalista pubblicista, diploma di sommelier con didattica Ais e 2 livello WSET. Una grande passione per il territorio, il vino e le sue tradizioni.

Articoli correlati

Back to top button