Info & Viaggi

Al V Piano la pizza di Matteo Torretta e lo Champagne Marguerite Guyot

Una serata davvero molto particolare, dove Matteo Torretta, chef resident del V Piano Attico Gourmet del Grand Visconti Palace di Milano, si è cimentato nel rivisitare e reinterpretare un piatto che rappresenta l’italianità in assoluto: la pizza. Una verticale di pizze abbinate alle cinque cuvées di Champagne Marguerite Guyot.

 

La serata è iniziata con un aperitivo con Cuvée Désir, 100% pinot Meunier, dagli aromi fruttati e sensuali accompagnato da sfiziosi finger food, e da un’entrée di spuma di pomodoro, pane all’origano e burrata, a cui è seguita la prima proposta di Matteo: un panzerotto ripieno di crostacei, gambero rosso di Sicilia, burrata e zenzero. Poi pizza fritta con tonno, scarola, agrumi, base di pomodoro e mozzarella abbinata a Cuvée Séduction, 100% chardonnay, dai sentori delicati tipici del Blanc de Blancs. Pizza con salsiccia, parmigiano, pomodoro confit, burrata e alici con Cuvée Passion, 100% pinot noir in purezza, che esprime potenza e calore, ma anche raffinatezza e nobiltà.

 

Alla bollicina più importante della Maison, la Cuvée Extase Blanc de Blancs Grand Cru Millesimé 2002, 100% chardonnay, a cui tra l’altro lo scorso anno è stato dato un riconoscimento da Scatti del Gusto come miglior champagne in assoluto, è stata abbinata una pizza con guanciale, caciocavallo, carciofo e spuma al sentore di parmigiano. La verticale si è conclusa con Cuvée Fleur de Flo Brut Rosé, un blend di tre vitigni: 30% pinot noir, 30% chardonnay, 30% pinot meunier e 10% coteau champenois offerto con il dessert, un affogato al caffè rivisitato.

 

Florence Guyot, si è detta soddisfatta della serata: “Abbiamo voluto fare una proposta diversa” ha spiegato la titolare della Maison “per dimostrare che le raffinate bollicine degli Champagne Marguerite Guyot siano in grado di valorizzare anche un abbinamento inusuale come quello con un piatto diffuso come la pizza. E soprattutto ad un prezzo “anticrisi”, visti i tempi. Direi che l’esperimento è pienamente riuscito!”. Gli Champagne Marguerite Guyot vengono prodotti nel cuore della Champagne, a Damery, nella valle della Marna. Sono le “creature” di Florence Guyot che, sin dall’infanzia a Lione, ha respirato i profumi dell’antica cantina di famiglia di proprietà del suo trisnonno e si è ispirata al nome floreale della nonna, Marguerite, vissuta all’epoca dell’Art Nouveau, per dare il nome allo champagne e alle particolari etichette che ricordano proprio i petali di una margherita e i colori delle emozioni. Ovvero il bouquet d’emotion: un emozione in armonia con ogni vitigno.

Isabella Radaelli

i.radaelli@egnews.it


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Articoli correlati

Back to top button