Curiosità

Agri-Grest, ovvero Centri Estivi in campagna

Un modo istruttivo per far trascorrere ai bambini le vacanze scolastiche è quello che hanno concordato Coldiretti e alcune parrocchie di Pavia.

I Centri Estivi per i ragazzi delle parrocchie, o GREST (“Gruppi Estivi”, o anche “Grande Estate”), oltre che attività negli Oratori, effettuano anche escursioni, giornate a contatto con la natura, e ogni anno è caratterizzato da un tema, su cui si impernia il nucleo dell’opera ricreativa e formativa.

Il tema 2015 è “Tutti a tavola”, proposta ai giovanissimi di una riflessione su che significa essere invitati a sedersi attorno ad una tavola imbandita, e sul senso del pane come nutrimento, in sostanza la valenza del cibo. Tema in linea con il leit motif dell’Expo 2015.

La Coldiretti di Pavia ha colto la circostanza e ha offerto la collaborazione di alcune aziende agricole, dove i ragazzi potranno sperimentare la vita agricola attraverso laboratori pratico-esperienziali.

«Il contatto con le aziende agricole, con chi produce il cibo che portiamo in tavola ogni giorno e con coloro che sono i detentori delle nostre tradizioni è un mezzo efficace per far conoscere ai ragazzi il nostro territorio e la sua cultura alimentare», spiega Wilma Pirola, presidente di Coldiretti Pavia.

I ragazzi dell’Agri-Grest visiteranno l’azienda agricola “L’Oasi” di Cascine Calderari e il suo agriturismo didattico, scoprendone anche le strutture innovative. Più avanti andranno sulle colline dell’Oltrepò Pavese per scoprire l’azienda agricola “Gravanago” di Zenevredo e i suoi procedimenti di produzione di vino e di cosmetici a base d’uva.
Il progetto prevede alcune lezioni teoriche con gli esperti di educazione alimentare di Coldiretti Pavia, per realizzare in seguito anche un orto negli spazi esterni dell’oratorio.

Il Grest è concepito come un momento di crescita personale e di condivisione nella solidarietà, formare i giovani fin da piccoli alle problematiche legate al cibo è una finalità sociale per avere domani un mondo migliore.

Maura Sacher


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco.
Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746

Articoli correlati

Back to top button