Agenda

A Piacenza al mercato dei vini

Anche quest’anno sarà Piacenza Expo ad ospitare la quinta edizione della mostra-mercato promossa da FIVI (Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti), l’associazione nata nel 2008 per promuovere la qualità e l’autenticità dei vini italiani e per rappresentare il viticoltore nei confronti delle istituzioni. Due giorni, sabato 28 e domenica 29 novembre per poter incontrare quest’anno 330 espositori provenienti da tutta Italia per un totale di circa 2000 etichette e 10 Artigiani del Cibo che presenteranno in abbinamento le loro tipicità gastronomiche.image

Sono criteri precisi quelli a cui un viticoltore si deve attenere per poter aderire a FIVI: coltiva personalmente le sue vigne, imbottiglia e cura il proprio prodotto, ha la piena responsabilità del suo vino, vendendolo in bottiglie con il proprio nome ed una propria etichetta. Novemila ettari di terreno sparsi in tutte le parti d’Italia, condotti per il 49% in regime biologico/biodinamico, per il 10% secondo i principi della lotta integrata e per il 41% secondo la viticoltura convenzionale, per un totale di circa 900 produttori associati. Questi i numeri di FIVI che anno dopo anno vede consolidare sempre più la propria presenza sul territorio nazionale.

Saranno a disposizione del pubblico anche più di 400 carrelli, per permettere di trasportare agevolmente i vini che si deciderà di acquistare direttamente allo stand. A Piacenza infatti, si potranno fare acquisti immersi nell’Italia vitivinicola, incontrando direttamente chi l’uva la coltiva, lavora i campi e produce personalmente il vino, Vignaioli che attraverso il proprio lavoro sono divenuti custodi del territorio e oggi ne sono narratori appassionati e autentici.
Si potrà poi assistere alla cerimonia di consegna del premio “Romano Levi per il Vignaiolo dell’anno” che quest’anno è stato assegnato a Elisabetta Fagiuoli, vignaiola in San Giminiano (SI), “per la sua incrollabile fede nel valore del territorio, per le energie che ha impiegato nel corso di una vita intera per custodirlo, rispettarlo e promuoverlo. Per l’importanza della sua figura di vignaiola, per il suo essere un punto di riferimento e un esempio prezioso per tutti i vignaioli d’Italia”.image

Sempre più importanti e numerosi, nel mondo FIVI, stanno diventando i “punti di affezione”: enoteche e ristoranti che in tutta Italia propongono e promuovono i vini dei vignaioli. Quest’anno altri nove se ne sono aggiunti a quelli già esistenti, arrivando così a 23.

Saranno infine premiate le foto vincitrici del contest #indipendentipernatura, lanciato sui social, che ha raccolto 660 scatti tra le vigne e i campi. Venticinque le foto selezionate da una giuria tecnica ed esposte in Fiera. I cinque vincitori saranno premiati con un weekend enogastronomico e bottiglie di vino.
Gli orari di apertura del Mercato dei vini sono: sabato dalle 12.30 alle 20.30 e domenica dalle 11.00 alle 19.00. Ingresso € 15.00 (ridotto € 10 per i soci AIS – FIS – FISAR – ONAV e SLOW FOOD)


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Sonia Biasin

Giornalista pubblicista, diploma di sommelier con didattica Ais e 2 livello WSET. Una grande passione per il territorio, il vino e le sue tradizioni.

Articoli correlati

Guarda anche
Close
Back to top button