Rubriche

Lo stop dei dazi Usa aiuta la ripresa economica dell’Italia

La sospensione degli anacronistici dazi voluti dal patetico ex presidente Usa è un grande aiuto per l’agroalimentare italiano.

È servito almeno a qualcosa il vertice organizzato in Cornovaglia dal paffuto Borios Johnson. La sospensione per cinque anni firmata a Bruxelles tra Ursula Von Der Leyen e Joe Biden significa almeno mezzo miliardo di volume d’affari immediato per l’export nostrano. Vini, formaggi, salumi, liquori, agrumi e succhi di frutta hanno subito da ottobre 2019 dazi aggiuntivi in media del 25 %.

Tutto ciò a causa del contenzioso sugli aiuti pubblici ai gruppi Airbus e Boeing. L’accordo è arrivato dopo circa quattro mesi dalla sospensione delle inique tariffe aggiuntive. Gli Stati Uniti sono il primo mercato fuori dalla Unione Europea per i nostri ottimi ed unici prodotti. Prima dell’applicazione delle gabelle nel 2020 l’Italia ha esportato negli Usa per un valore di 5 miliardi di euro.

 

L’accordo siglato è quindi molto importante per la nostra economia. Per quanto riguarda il settore dei formaggi il contraccolpo causato dai dazi si era fatto sentire pesantemente già dal 2020. Le esportazioni erano calate del 17 % in volume e del 19 % in valore. Gli Usa sono il terzo mercato per i nostri unici formaggi. Per alcune filiere quali il Parmigiano Reggiano e il Pecorino Romano una buona parte della produzione nazionale viene assorbita dagli Usa. Per l’Emilia Romagna e l’eccellenza Parmigiano Reggiano sono in media ben 11.000 le tonnellate del formaggio migliore del mondo mandate negli Usa. Questo mercato è pure il principale compratore di vini al.mondo.

Le gabelle “trumpiane” colpivano i vini francesi e spagnoli e per quanto riguarda l’Italia solo il settore dei liquori e distillati. Queste bevande avevano accusato una perdita pari al 35 % del loro export. La richiesta del Congresso Usa e del Parlamento europeo del principio “zero for zero” cioè l’eliminazione totale dei dazi su vino, liquori e distillati accelera indubbiamente la ripresa degli scambi e dell’export italiano in un momento cruciale per la ripresa economica. 

Umberto Faedi 


Grazie per aver letto questo articolo...

Da 15 anni offriamo una informazione libera a difesa della filiera agricola e dei piccoli produttori e non ha mai avuto fondi pubblici. La pandemia Coronavirus coinvolge anche noi.
Il lavoro che svolgiamo ha un costo economico non indifferente e la pubblicità dei privati, in questo periodo, è semplicemente ridotta e non più in grado di sostenere le spese.
Per questo chiediamo ai lettori, speriamo, ci apprezzino, di darci un piccolo contributo in base alle proprie possibilità. Anche un piccolo sostegno, moltiplicato per le decine di migliaia di lettori, può diventare Importante.
Puoi dare il tuo contributo con PayPal che trovi qui a fianco. Oppure puoi fare anche un bonifico a questo Iban IT 47 G 01030 67270 000001109231 Codice BIC: PASCITM1746 intestato a Club Olio vino peperoncino editore
Facendo un bonifico - donazione di € 50,00 ti recapiteremo la Carta Sostenitore che ti da il diritto di ottenere sconti e pass per gli eventi da noi organizzati e per quelli dove siamo media partner.

Umberto Faedi

Vicedirettore

Articoli correlati

Back to top button